Depressione adolescenza: prima causa di malattia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/06/2014 Aggiornato il 26/06/2014

La depressione in adolescenza è il più diffuso disagio patologico tra ragazzi ma non sempre è identificata e curata

Depressione adolescenza: prima causa di malattia

Un recente rapporto dell’Oms elegge la depressione in adolescenza la prima causa di malattia tra i ragazzi, prima ancora degli incidenti stradali. Per quanto riguarda, invece, le cause di morte dei teenager, il suicidio resta ancora purtroppo ai primi posti di queste tristi classifiche.

Scarsa attenzione al disagio psicologico

Il fattore depressione in adolescenza, benché sempre più alla ribalta nelle cronache e sui media, resta però ancora insufficientemente esplorato per ciò che concerne il mondo dei più giovani. Infatti, come afferma Flavia Bustreo, capo della divisione salute della famiglia, donne e bambini dell’Oms, la depressione in adolescenza diventa spesso causa di ulteriori sofferenze come l’abuso di droghe o alcol, che a loro volta possono provocare incidenti stradali con morte o invalidità.

Pericoli evitabili ma sottovalutati

Lo studio dell’Oms ha coinvolto un campione di ragazzi dai 10 ai 19 anni di età, il cui benessere psicologico è stato scandagliato attraverso l’analisi di tematiche topiche come sessualità, alcol, droghe, Hiv, rapporto con il cibo (anoressia, bulimia) e varie tipologie di violenza (tra cui il bullismo).Il risultato è che il disagio è elevatissimo ma il mondo degli adulti non ha preso sufficientemente in considerazione la salute dei più giovani. Se lo facesse in maniera adeguata, la sofferenza di intere generazioni potrebbe essere decisamente attenuata. Invece, il problema viene troppo spesso sottovalutato e i ragazzi vengono lasciati soli con i loro disagi.

In breve

ALLARME SUICIDI

La depressione non può non essere collegata anche ai suicidi, di cui gli adolescenti hanno il triste primato. Se ne parla volontariamente poco, per evitare l’effetto contagio, ma purtroppo è un fenomeno drammatico e purtroppo molto diffuso tra gli adolescenti. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Ureaplasma urealyticum : che fare quando si scopre l’infezione?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ureaplasma urealyticum una volta scoperto deve necessriamente essere curato con l'antibiotico. La terapia deve essere affrontata da entrambi i partner, anche s euno dei due non ha sintomi, per evitare l'effetto "ping pong", ossia di continuare a contagiarsi a vicenda.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti