Diabete: la metà dei ragazzi colpiti non rispetta la terapia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/07/2017 Aggiornato il 28/07/2017

L’adolescenza rappresenta quasi sempre un momento critico per i giovani affetti da diabete. Su 5 mila ragazzi con il diabete, più di 1 su 2 non fa le cure

Diabete: la metà dei ragazzi colpiti non rispetta la terapia

In Italia,  il diabete di tipo 1 colpisce 20.000 bambini e 5.000 adolescenti. Sempre più spesso, poi, il diabete giovanile compare proprio durante l’adolescenza, a causa delle tempeste ormonali tipiche della pubertà che inducono un’insulino-resistenza e valori di glicemia alterati.

Problemi di gestione

L’adolescenza rappresenta quasi sempre un momento critico per la gestione del diabete che prevede la somministrazione di insulina, l’attenzione al valore della glicemia un’alimentazione controllata e l’esercizio fisico, al punto che in oltre un caso su due è proprio durante l’adolescenza che si osserva un peggioramento del compenso metabolico, un fattore di rischio per episodi di ipoglicemia e chetoacidosi. Questo pericolo è riconducibile non solo a fattori fisici come i cambiamenti ormonali, ma anche al minor coinvolgimento dei genitori nella gestione della malattia, alla minore adesione alle regole della terapia e all’assunzione di atteggiamenti di sfida tipici dell’adolescenza.

L’allarme dei pediatri

È quanto emerso da un un simposio dedicato all’adolescente con diabete al congresso della SIP, Società italiana di pediatria. Gli specialisti italiani si sono confrontati sulla gestione del diabete di tipo 1 negli adolescenti perché diversi sono stati i casi “sospetti” osservati negli ultimi anni. I comportamenti da tenere d’occhio, avvertono gli specialisti, viaggiano a braccetto con i disturbi del comportamento alimentare. Nello specifico: la riduzione del dosaggio della terapia insulinica al fine di perdere peso.

In Italia la situazione è migliore che altrove

Nonostante questi dati in Italia vi è una buona gestione del diabete di tipo 1, rispetto anche ad altre realtà come gli Stati Uniti. Il nostro Paese infatti si colloca al primo posto nel mondo con il minor numero di bambini e adolescenti con diabete in cattivo controllo metabolico con un valore chiave, quello di emoglobina glicosilata (HbA1c).

 

 

In breve

UTILE UN APPROCCIO CONDIVISO

Serve un approccio comunicativo empatico per la gestione dell’adolescente con diabete: occorre motivarlo all’assunzione di responsabilità e condividere con lui il regime terapeutico più adeguato.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti