Diabete negli adolescenti causa stress, depressione e paura di ingrassare

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 11/01/2019

Ecco come lo stress interferisce sul diabete negli adolescenti e sulla loro qualità della vita. Ma i rimedi ci sono

In America lo definiscono “burden”, fardello, peso: è l’insieme di ansia e preoccupazione derivanti dalla percezione di non essere in grado di tenere sotto controllo il diabete negli adolescenti. Secondo la rivista americana Diabetic Medicine, questo è uno dei fattori principali che alzano il livello di stress in un terzo degli adolescenti con questa malattia.

Ansia e depressione

Sono 11mila gli under 16 italiani con diabete di tipo 1. Gli studi parlano di angoscia, senso di fallimento per non essere in grado di raggiungere gli obiettivi glicemici. Il livello di stress si alza raggiungendo la depressione per le difficoltà di tutti i giorni e le paure. Le ragazze, dicono le ricerche, hanno una maggiore incidenza di sovrappeso quindi tendono a mangiare meno e a non seguire la terapia.

Un aiuto dalla tecnologia

Lo stress ha un forte impatto diabete negli adolescenti, provocando picchi ipoglicemici e crolli improvvisi. Altre evidenze scientifiche dimostrano però che gli adolescenti che utilizzano strumenti per il controllo della glicemia o la gestione dell’insulina hanno livelli di stress più bassi.

Microinfusori  per l’insulina

Oggi, infatti, grazie ai sistemi di microinfusione continua è possibile ovviare al disagio di iniettarsi l’insulina più volte al giorno e con il monitoraggio continuo si può avere sotto controllo in tempo reale la glicemia. Il microinfusore che fornisce la somministrazione continua di insulina, poi, consente di nuotare, praticare sport, fare la doccia, insomma di condurre una vita sociale normale. L’erogazione dell’insulina può essere cambiata in qualsiasi momento.

Glicemia sempre sotto controllo

Il sistema di monitoraggio glicemico continuo, invece, è dotato di inseritore automatico, con allarmi personalizzabili, avviso predittivo di ipoglicemia e possibilità di condivisione a distanza: consente di mettere in campo interventi preventivi e correttivi, prevenendo il rischio di complicanze.
 

 

 
 
 

Da sapere!

I sistemi di monitoraggio sono piccoli e discreti, possono essere indossati sotto qualsiasi tipo di abbigliamento. Il monitoraggio continuo e gli avvisi su cellulare in caso di variazioni rasserenano tutta la famiglia.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti