Dipendenza da Internet: tra i 13 e i 20 anni i più colpiti

Sono soprattutto i maschi a essere vittime della rete. Negli ultimi anni sono nate strutture specializzate per intervenire su quello che si classifica come un vero e proprio disturbo

Dipendenza da Internet: tra i 13 e i 20 anni i più colpiti

 

Chi è più a rischio

Asociale, arrendevole o aggressivo, ma anche apatico e paranoico. L’identikit di chi decide di “disintossicarsi” dalla rete, parla soprattutto di ragazzi tra i 13 e i 20 anni. A creare maggiore dipendenza da internet tra i più giovani sembrano essere i social network con la loro illusione di vita reale simulata, così come i giochi di ruolo, in particolare quelli di guerra. Anche se il fenomeno non risparmia il sesso femminile, è nettamente superiore la percentuale di maschi dipendenti: veri e propri “schiavi” della rete che non riescono a stare scollegati, altrimenti vanno in astinenza. In questo caso si possono manifestare sintomi anche gravi come ansia, depressione e paura di perdere il controllo di ciò che accade online.

Le strutture per disintossicarsi

Negli ultimi anni sono nate strutture dove è possibile curare la dipendenza da internet. Tra queste figurano il Centro per le psicopatologie da web del policlinico “Agostino Gemelli” di Roma, nato nel 2009, e l’ambulatorio dell’ospedale “Molinette” di Torino aperto nel 2010 e facente capo al dipartimento di Psicologia clinica. In entrambi i casi la prenotazione per la prima visita avviene o rivolgendosi direttamente all’ospedale o chiamando i seguenti numeri: 06.30154332/06.30154121 per Roma;  011.6336740 per Torino.

Gli interventi del Centro del Policlinico Gemelli

Il Centro del Policlinico Gemelli è caratterizzato dalla multidisciplinarietà e dall’integrazione degli interventi. Non a caso, il protocollo è strutturato in tre passi: un colloquio iniziale per confermare o meno la diagnosi di dipendenza da internet; incontri successivi per individuare il problema che, in casi particolarmente gravi, può essere contenuto con un’appropriata cura farmacologica; l’inserimento progressivo in gruppi di riabilitazione, che hanno lo scopo di riattivare un contatto “dal vivo” con gli altri. Questo consente di mettere in atto esperienze di condivisione, senso del limite, capacità di attesa e comunicazione non verbale.
I numeri del centro non passano inosservati: a poco più di un anno dalla nascita della struttura, infatti, si contavano oltre 180 “malati” di Internet che sono stati seguiti dal personale medico. Persone che non riuscivano a staccarsi da videopoker online, da social network come Twitter e Facebook, ma anche con problemi legati alla pornografia sul web e ai giochi di ruolo.
Per approfondire l’argomento ecco l’intervista

 

al dottor Federico Tonioni, che dirige il Centro per la dipendenza da Internet di Roma.

In breve

Dipendenza dal web? Più a rischio i maschi

La dipendenza da internet si manifesta con un’incapacità di scollegarsi dal web. Se questo accade, infatti, si manifestano sintomi anche gravi come ansia, depressione e paura di perdere il controllo di ciò che accade online. A creare maggiore dipendenza sono i social network con la loro illusione di vita reale simulata. Oggi esistono degli appositi centri per riabilitare chi soffre di questo disturbo.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti