Dipendenza da videogiochi: ecco perché i maschi rischiano di più

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 18/11/2019 Aggiornato il 18/11/2019

I ragazzi sono più attratti dai videogame rispetto alle ragazze e questo li espone maggiormente al rischio di dipendenza. Tutta questione di cervello!

Dipendenza da videogiochi: ecco perché i maschi rischiano di più

Esistono delle differenze biologiche che spiegano il rischio di dipendenza da videogiochi, un disturbo classificato dall’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) come malattia mentale. Uno studio ha ora dimostrato come i ragazzi sarebbero più attratti dai videogame rispetto alle ragazze e per questo più vulnerabili nel sviluppare una vera e propria dipendenza dal gioco.

Lo studio sul cervello

A provarlo è stato un gruppo di ricercatori coordinati da Marc Potenza dell’Università di Yale grazie a uno studio sulla risonanza al cervello effettuato su un gruppo di giovani. La ricerca è stata pubblicata anche sulla rivista scientifica Social Cognitive Affective Neuroscience.

Come si è svolto lo studio

Gli esperti hanno preso in esame 68 ragazzi e 40 ragazze sui 20 anni e li hanno sottoposti a mezz’ora di giochi online. La risonanza al cervello ha dimostrato che sia prima sia dopo i 30 minuti di gioco l’area cerebrale della ricompensa dei ragazzi era più attiva rispetto a quella delle ragazze e che quindi il gioco favorisce nel cervello maschile più attivazioni associate al desiderio. Ciò spiega il motivo per cui i ragazzi sarebbero più suscettibili alla dipendenza da videogiochi. Questo fenomeno è stato confermato anche da altri studi simili come quello del Pew Research Center, secondo il quale il 41% dei maschi ha affermato di trascorrere molto tempo con i videogiochi, rispetto all’11% delle femmine.

Sintomi della dipendenza

La dipendenza da videogiochi si manifesta soprattutto attraverso attacchi di panico, stati d’ansia, sbalzi d’umore, disturbi del sonno come incubi, tremori e sogni sui videogiochi, trascuratezza della scuola, degli amici e del lavoro, disturbi della vista, mal di testa, mal di schiena e problemi di alimentazione. Le vittime predestinate sono ragazzi in cerca di una fuga dalla realtà, trascurati dai genitori, con scarsa autostima e privi di vita sociale.

 

Da sapere!

Per combattere la dipendenza da videogiochi è necessario adottare delle regole di buon senso. Per prima cosa bisogna stabilire la durata del gioco, eliminare qualsiasi videogioco dalla cameretta dei ragazzi, scegliere un gioco e giocarci insieme, per poi offrire l’alternativa come una passeggiata, un concerto, un film o un hobby.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti