Disturbi alimentari in aumento fra gli adolescenti maschi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/01/2014 Aggiornato il 10/01/2014

Secondo un recente studio, i disturbi alimentari non riguardano solo le femmine: ne soffre anche il 17% dei ragazzi

Disturbi alimentari in aumento fra gli adolescenti maschi

Chi pensava fossero un problema solo al femminile deve ricredersi. I disturbi alimentari possono interessare anche i maschi. La conferma arriva da una ricerca effettuata da un team di ricercatori americani, del Children’s hospital di Boston, pubblicata sulla rivista scientifica Jama Pediatrics. L’indagine è stata condotta su 5.527 adolescenti americani. Gli autori hanno osservato il loro comportamento e li hanno invitati a rispondere a dei questionari relativi al proprio stile di vita, alla propria alimentazione e al rapporto con il proprio corpo.

Risultati sconcertanti

Dall’analisi dei risultati. è emerso che il 17,9% dei ragazzi maschi soffre di disturbi alimentari. Il 9,2% ha ammesso di desiderare un corpo più muscoloso, il 2,5% vorrebbe essere più magro, mentre il 6,3% è preoccupato per l’aspetto fisico in generale. Lo studio rivela, inoltre, che i ragazzini ossessionati dai muscoli ricorrono agli integratori e agli ormoni della crescita in misura doppia rispetto ai loro coetanei. Non solo. Sono anche più attratti dagli alcolici. I teenager che vogliono dimagrire, invece, sono disposti a seguire diete rigidissime. Sono loro i più soggetti ai sintomi depressivi e ai disturbi alimentari, in particolare anoressia  e bulimia nervosa.

Allarme vigoressia

Purtroppo il problema non è confinato solo negli Usa. Anche in Italia è in costante aumento il numero dei giovani che hanno un cattivo rapporto con la propria immagine e sono insoddisfatti del proprio corpo. Il disturbo alimentare più diffuso nel nostro Paese è la vigoressia: una vera e propria ossessione per la forma fisica, i muscoli tonici e il fisico perfettamente scolpito. Trattandosi di un fenomeno relativamente nuovo, è ancora poco conosciuto da genitori e insegnanti, ma anche dai medici. Non va, però, sottovalutato perché può esporre a rischi seri. I segnali da non sottovalutare? Il molto tempo trascorso in palestra; la fissazione per il corpo, che è al centro di ogni pensiero e di ogni discorso con gli altri; l’attenzione eccessiva per la dieta, solitamente iperproteica; l’uso smodato della bilancia.

In breve

IN AGGUATO ANCHE I DISTURBI PSICOLOGICI

I ragazzi che soffrono di disturbi alimentari, in genere, hanno problemi psicologici, come la scarsa autostima, l’insicurezza, il senso di inadeguatezza, che li porta anche a sviluppare problemi di socializzazione e di integrazione sociale.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti