Disturbi alimentari: sempre più comuni fra gli adolescenti

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 13/05/2014 Aggiornato il 13/05/2014

Anoressia e bulimia, i dati aggiornati rivelano che sono sempre più numerosi gli adolescenti, anche maschi, con disturbi alimentari. Ma le istituzioni non restano a guardare

Disturbi alimentari: sempre più comuni fra gli adolescenti

Chi pensava rappresentasse un problema limitato ed esclusivamente femminile dovrà ricredersi. I disturbi alimentari sono sempre più diffusi fra gli adolescenti, anche maschi. Lo rivelano i dati diffusi dal ministero della Salute.

Cifre da capogiro

Secondo le stime ministeriali, oggi i disturbi alimentari riguardano il 12% circa delle giovani donne di età compresa fra i 18 e i 24 anni. Ma anoressia, bulimia e binge eating disorder non risparmiano nemmeno le adolescenti: da qualche tempo si registra un certo numero di casi anche fra le bambine delle elementari e le ragazzine delle scuole medie. Nemmeno i maschi sono immuni. È vero che sono colpiti in misura molto minore, ma comunque su 100 persone malate, 10 sono proprio di sesso maschile.

La pubblicazione del ministero

Proprio alla luce di questa situazione, il ministero della Salute ha dedicato ai disturbi alimentari una pubblicazione, in cui elenca le strategie e le procedure per una gestione appropriata ed efficiente del problema.Secondo gli esperti, è essenziale il coinvolgimento di medici e pediatri di famiglia, che hanno un ruolo determinante nella diagnosi precoce di anoressia e bulimia. Fondamentale, poi, aumentare la disponibilità di terapie ambulatoriali specialistiche. I casi che non rispondono alle cure ambulatoriali necessitano di trattamenti intensivi in centri diurni, riabilitazione residenziale o ricovero.

I consigli per i genitori

Anche i genitori sono parte attiva di questo percorso. In particolare, devono essere in grado di riconoscere i sintomi. Ecco quando l’adolescente può essere considerato a rischio di anoressia o bulimia:

– non ha più il ciclo,

– presta un’eccessiva attenzione a ciò che mangia,

– evita cibi che prima consumava con piacere,

– salta i pasti con scuse poco credibili,

– spezzetta i cibi per mangiarne una parte alla volta,

– dopo aver mangiato, va in bagno,

– si pesa spesso,

– si lamenta del suo aspetto fisico. 

In breve

AGIRE SUBITO

Se mamma e papà sospettano che il proprio figlio/a soffra di disturbi alimentari dovrebbero parlarne il prima possibile con il medico di fiducia. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Psicofarmaci in gravidanza: si possono assumere?
22/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono psicofarmaci compatibili con la gravidanza e con l'allattamento, quindi non è necessario sospenderne l'assunzione, anche se è opportuno che lo psichiatra li prescriva alla dose minima efficace.   »

Sulla riuscita della PMA
16/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il successo della procreazione medicalmente assistita dipende strettamente dall'età della donna.   »

Vaccinazioni: quanto aspettare dopo una malattia febbrile?
02/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Per ottenere la massima risposta immunitaria da una vaccinazione, occorre praticarla quando la condizione di salute del bambino è ottimale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti