Dormire con le lenti a contatto: un’abitudine pericolosissima

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 02/10/2018 Aggiornato il 02/10/2018

Prima di andare a letto è fondamentale togliere le lenti a contatto, altrimenti si rischia di danneggiare la cornea e perdere la vista

Dormire con le lenti a contatto: un’abitudine pericolosissima

Sono dispositivi molto utilizzati, ma spesso in maniera scorretta. Le lenti a contatto, infatti, richiedono precise regole di uso e manutenzione, che però non tutti rispettano, specialmente i giovani. Con conseguenze anche gravi. La conferma arriva dai ricercatori del Center for disease and prevention (Cdc) americano, che recentemente hanno posto l’attenzione sui pericoli per la cornea derivati da un overuse, come dormire con le lenti a contatto.

Vanno usate con cautela

Solo negli Stati Uniti ben 45 milioni di persone utilizzano le lenti a contatto invece degli occhiali. Non tutti in maniera opportuna però. Basti pensare che un terzo degli utilizzatori ammette di andare a dormire con le letti a contatto. Un errore molto grave. Infatti, può danneggiare l’occhio. “Tra i molti comportamenti che aumentano il rischio di un’infezione corneale legata all’uso delle lenti a contatto c’è proprio quello di non toglierle quando si va a dormire, soprattutto tra i portatori più giovani” hanno ribadito gli studiosi del Cdc. Dormire con le lenti a contatto, infatti, significa spesso trovarsi al mattino successivo con gli occhi irritati e la vista offuscata. Ma non solo. Questa cattiva abitudine può aumentare da sei a otto volte il rischio di infezioni oculari, quali la cheratite microbica, e di conseguenza creare seri rischi alla cornea.

I ragazzi sono a grande rischio

Purtroppo gli adolescenti sono doppiamente a rischio da questo punto di vista. Da un lato perché i loro occhi sono particolarmente delicati e già esposti a insulti di vario tipo dovuti alla tipica noncuranza giovanile (come esposizioni solari eccessive senza occhiali o make up non adeguati). Dall’altro perché, proprio per la leggerezza caratteristica della loro età, sono la categoria che più spesso va a dormire con le lenti a contatto. E, infatti, non mancano casi di cronaca che li vedono tristemente protagonisti, per esempio quello di una 17enne che ha subito una grave ulcera agli occhi o quello di un diciottenne che ha dormito spesso con lenti colorate e poi, per una grave infezione, ha perso gran parte della vista.

 

 
 
 

Da sapere!

Chi sceglie le lenti a contatto deve fare attenzione a maneggiarle con cura. Il che significa, fra le altre cose, metterle e toglierle solo dopo essersi lavati le mani, conservarle sempre nell’apposito liquido e nell’apposto contenitore, non indossarle per troppe ore, toglierle prima di struccarsi.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti