Droga: scopri così se tuo figlio ne fa uso

Purtroppo il problema della droga è tutt’altro che in calo. Alcuni atteggiamenti dei ragazzi possono, però, aiutare i genitori a scoprire se anche il proprio figlio ne è vittima

Droga: scopri così se tuo figlio ne fa uso

Giovani e sballo, un binomio che pare indissolubile, con numeri sempre più preoccupanti. Ma come scoprire se il proprio figlio fa uso di droga? Lo spiega Francesca Biagioni, biologa ricercatrice dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Neurologico Mediterraneo (Neuromed) di Pozzilli.

Attenzione all’isolamento

Un primo campanello d’allarme è l’isolamento. Lo spettro iniziale di una dipendenza è rappresentato dalla tendenza a isolarsi da situazioni sociali positive, come lo sport e il rapporto con i compagni di scuola. Derivano poi condotte aggressive e sempre più rifuggenti il contatto fisico e sociale. Il non avere un contatto sociale diretto, anche nel contesto familiare, è uno degli atteggiamenti socio-psicologici più prettamente riconducibili all’utilizzo di droga.

Pupille dilatate e anoressia

Sono da tenere d’occhio anche aspetti prettamente fisici, come la dilatazione delle pupille, l’aumento della sudorazione e la minore – o assente – risposta a stimoli esterni (anedonìa). Rientrano in questa casistica anche trasformazioni più drastiche e disturbi alimentari di vario genere; dal mangiare poco e male all’anoressia. In caso di assunzione di droghe pesanti come la cocaina, possono comparire anche sanguinamento dal naso e tremore alle mani.

Il ruolo della famiglia

In caso si riscontrassero uno o più di questi fenomeni, è bene rivolgersi a centri specializzati per la cura di questi problemi. È fondamentale non abbandonare mai il ragazzo a se stesso, che invece deve sapere di potere sempre contare sul sostengo della propria famiglia. La componente psicologica è importante per consentire al ragazzo di prendere coscienza del proprio problema, di cosa sia la tossicodipendenza e della necessità di uscire dal tunnel cui l’utilizzo di droga può condurre.

 

 

 
 
 

da sapere!

Molti adolescenti assumono droga senza nemmeno sapere che cosa sia e cosa comporti realmente. Non esistono droghe che fanno meno male di altre. Anche le cosiddette “droghe leggere” portano a dipendenza e risultano altamente dannose.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti