Drogati di smartphone: le notifiche creano dipendenza

Lorenzo Marsili Pubblicato il Aggiornato il 01/08/2018

Le notifiche dello smartphone creano dipendenza al pari delle droghe. Si rischia così di diventare dei drogati con scompensi per il proprio equilibrio psicologico e il rischio di andare incontro a problemi di isolamento, ansia e depressione

Oggi lo smartphone è a tutti gli effetti un prolungamento della persona. Attraverso questo straordinario e sempre più potente strumento abbiamo la possibilità di fare praticamente di tutto in pochi secondi. Il problema sorge quando non si riesce a mettere un freno e le necessità di notifiche diventa una dipendenza, al pari delle droghe e degli oppiacei. A rivelare i pericoli per i drogati di smartphone è uno studio pubblicato sulla rivista medica NeuroRegulation.

Pericoli reali

Condotto su 135 studenti, lo studio ha permesso di scoprire come chi utilizza con maggiore frequenza lo smartphone per rapportarsi con le altre persone soffre maggiormente di disturbi psichici come isolamento, ansia e depressione. Lavorare, mangiare o studiare con accanto lo smartphone condiziona il lavoro del cervello e dimezza la qualità del nostro operato. Le notifiche, in particolare, costringono a spostare l’attenzione sullo smartphone, attivando quelle funzioni di attenzione che un tempo ci proteggevano dai pericoli, ma che ora distraggono dalla quotidianità e spostano l’attenzione del nostro cervello verso questioni trascurabili. Insomma, è allarme per i drogati di smartphone.

Cellulari-dipendenti

Si instaura così un rapporto morboso e una necessità malata da notifiche, che gli scienziati, guidati da Erik Peper professore di Educazione alla Salute dell’Università di San Francisco, etichettano con il nome di vera e propria dipendenza da smartphone. Nel cervello si formano connessioni neurologiche paragonabili a quelle riscontrate in chi è dipendente dagli oppiacei per uso farmacologico, portando le persone a essere sempre più cellulare-dipendenti e a perdere di vista la realtà, le priorità della vita e il mondo che li circonda.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Per non diventare drogati di smartphone occorre farsi trovare preparati, specialmente insegnando ai propri figli come sfruttare questo strumento al meglio senza cadere nella dipendenza.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti