È allarme Aids tra gli adolescenti, colpa del sesso non protetto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/03/2014 Aggiornato il 05/03/2014

Negli Usa i giovani omosessuali sono più colpiti dall’Aids: il virus è in ripresa a ritmi del 22% rispetto a un anno fa

È allarme Aids tra gli adolescenti, colpa del sesso non protetto

Giovani sempre più a rischio di contrarre l’Hiv, il virus responsabile dell’Aids. I numeri sono allarmanti: negli Usa la comunità più colpita è quella dei giovani omosessuali che vede i contagi aumentati del 22% rispetto alle ultime rilevazioni ufficiali di solo un anno fa. A rischio anche gli adolescenti tra i 13 e i 16 anni. La causa principale? Il sesso non protetto.

Allarme globale

L’allarme parte dagli Stati Uniti, ma coinvolge tutto il mondo: Canada, Australia, Francia, Inghilterra, Olanda e Cina, tant’è che i ricercatori parlano addirittura “di un’epidemia tra gli studenti”.  Negli Stati Uniti la comunità più colpita dall’ Aids è quella dei gay, dove si segnala una recrudescenza del 22% rispetto alle ultime rilevazioni ufficiali di appena 12 mesi fa.

A rischio anche gli etero

Anche i dati sui ragazzi etero preoccupano. Secondo John Schneider, professore dell’Università di Chicago “Non ci sono statistiche aggiornate attendibili, ma alcuni studi indicano un aumento addirittura superiore al 20 -: vedo sempre più spesso adolescenti tra i 13 e i 16 anni contagiati dall’Aids”.

Un fenomeno messo a tacere

Secondo gli esperti siamo di fronte a una vera e propria controrivoluzione sessuale. Che cosa significa? Che del fenomeno Aids si parla di meno. Perché? Con il virus ai suoi minimi storici e ormai sotto controllo grazie alle cure farmacologiche, i giovani di oggi sono la prima generazione che cresce senza l’incubo del contagio. Finita l’emergenza, le campagne di prevenzione si attenuano, i fiocchetti rossi non brillano più sui vestiti delle star, molte storiche associazioni chiudono per mancanza di fondi. Eppure il pericolo Aids resta alto.

Il sesso (non protetto) dei giovani

Oltre il 20% dei giovani ammette di non usare il preservativo, ma nei sondaggi ufficiosi la cifra triplica. Uno su tre, anche tra gli omosessuali adulti, non ha mai fatto un test Hiv e di sicuro non lo ha fatto negli ultimi 12 mesi: “In queste condizioni è come giocare alla roulette russa: mettono in pericolo la loro vita senza pensarci”, dice Thomas Frieden, direttore del Centers for Disease Control and Prevention, l’ente federale statunitense che vigila sulla sanità pubblica. 

In breve

MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

L’Aids non rappresenta il solo rischio derivante dal sesso non protetto. Sono numerose, infatti, le malattie sessualmente trasmissibili e importanti possono essere le conseguenze sulla salute dei giovani. È il caso, per esempio, del papillomavirus che rappresenta un fattore di rischio per il cancro al collo dell’utero.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti