È allarme: autolesionismo per 150 mila adolescenti

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/05/2014 Aggiornato il 16/05/2014

Da piccoli taglietti a vere e proprie mutilazioni, l’autolesionismo è un fenomeno sempre più diffuso tra gli adolescenti. I risultati di un’indagine

È allarme: autolesionismo per 150 mila adolescenti

Secondo una ricerca effettuata su un campione di ragazzi tra i 13 e i 18 anni provenienti da 4 città italiane (Bologna, Perugia, Bari e Messina), 150mila adolescenti italiani effettuano intenzionalmente atti di autolesionismo, per manifestare un disagio interiore che non riescono a verbalizzare. Fortunatamente, in circa 8 casi su 10, si tratta di piccoli taglietti senza conseguenze per la salute. Ma nel restante 21% dei casi, i ragazzi arrivano a infliggersi vere e proprie mutilazioni corporee.

Un fenomeno in preoccupante crescita

L’autolesionismo (letteralmente “danneggiare se stessi”) è un atto che implica il procurare, consciamente o meno, danni rivolti alla propria persona, sia in senso fisico che psicologico. L’atto più comune è il taglio superficiale alla pelle, ma l’autolesionismo può manifestarsi con altri gesti: bruciarsi, infliggersi graffi (cutting), colpire una o più parti del corpo, strapparsi i capelli, ingerire sostanze tossiche o oggetti pericolosi. Un fenomeno che complessivamente colpisce circa lo 0,25% della popolazione, ma arriva al 5% tra gli adolescenti. I motivi vanno ricercati spesso in un’infanzia difficile, fatta di rigide imposizioni di regole e punizioni corporali. Per adattarsi al dolore fisico e psicologico delle botte ricevute, gli adolescenti, sostengono gli esperti, hanno trasformato questi gesti di violenza in atti di piacere.

Anche in provincia

Il “cutting” si sta diffondendo anche nelle città di provincia. È allarme, per esempio, a Lodi dove ogni settimana una o due persone di presentano all’Unità di Neuropsichiatria infantile dell’azienda ospedaliera. E anche gli studi privati sono presi d’assalto. Anche qui i ragazzi si fanno tagli con lamette, temperini, punte di compassi. Lo fanno pensando che la sofferenza fisica possa alleviare quella mentale…. E poi postano le foto su Facebook.

In breve

UNA FORMA DI RIBELLIONE E UNA RICHIESTA D’AIUTO

“Attraverso il meccanismo del dolore si reimpossessano del loro corpo – commenta Paolo Veronesi, presidente del centro di psicologia del Lodigiano -. Già il fatto di pubblicare poi le foto su Facebook è una richiesta d’aiuto. Qui però trovano persone che li incitano a farsi più male. Il “cutting” si intreccia così con il cyberbullismo”.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti