Effetti cannabis: meno memoria!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/05/2015 Aggiornato il 05/05/2015

Tra gli effetti della cannabis sul cervello, una recente ricerca ha riscontrato danni all’ippocampo, con effetti sulla memoria a lungo termine

Effetti cannabis: meno memoria!

Gli studi sugli effetti della cannabis sulla salute dell’uomo sono sempre più numerosi. Ormai è stato riconosciuto il suo ruolo “antidolorifico” e antiemetico sui pazienti che soffrono di gravi malattie, mentre è sempre in progress lo studio relativo agli effetti della cannabis di tipo terapeutico sulle malattie degenerative. Vi è, però, un dato comune e ormai certo: gli effetti negativi della cannabis sul cervello dei giovani consumatori assidui.

Agisce sul cervello

La ricerca che ha analizzato gli effetti della cannabis sul cervello e sulle sue funzioni è stata condotta dai ricercatori della Northwestern University e pubblicata sulla rivista Hyppocampus. Come sostiene il prof. John Csernansky, da questo studio si evince che la cannabis va ad agire sulle aree cerebrali deputate alla memoria a lungo termine, danneggiandole e riducendo quindi la capacità mnemonica del consumatore abituale. 

Effetti sui forti consumatori 

La ricerca si è svolta su un campione di ex-consumatori “forti” di cannabis. Ovvero, ragazzi che hanno fumato in giovane età una canna almeno una volta al giorno per un periodo complessivo di tre anni. I risultati dei rilievi su questo gruppo di ex fumatori di cannabis sono stati, poi, confrontati con i rilievi effettuati su un gruppo di non fumatori della stessa età.

Riduzione del 20% delle capacità

Cosa è emerso da quest’analisi? Il gruppo formato da ex-fumatori assidui di cannabis ha mostrato una riduzione del 20% delle performance cognitive rispetto al gruppo dei non fumatori. Le alterazioni conseguenti al fumo di cannabis sono state rilevate a livello dell’ippocampo, l’area cerebrale deputata appunto alla memoria a lungo termine.

Ancora peggio in chi ha disturbi

Inoltre, è stato considerato anche un campione di soggetti affetti da schizofrenia che hanno fumato cannnabis in giovane età, confrontandolo con altri individui malati di schizofrenia ma che non avevano fumato in età scolare con assiduità. La riduzione delle capacità cognitive e mnemoniche, in questo caso, si è attestata attorno al 26%. 

 

 
 
 

In breve

DATI CONTROVERSI

I dati relativi agli effetti del consumo di cannabis sono sempre molto controversi, soprattutto alla luce delle battaglie politiche e sociali riguardanti la legalizzazione. Negli USA per esempio, dove è stato condotto lo studio, sono ben 24 gli stati in cui la cannabis è legale per uso medico e 4 quelli in cui l’uso è consentito anche a livello “ricreativo”.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti