Enuresi notturna: il 4,6% degli adolescenti bagna ancora il letto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/07/2014 Aggiornato il 22/07/2014

Il 4,6% degli adolescenti ha ancora problemi di enuresi notturna e spesso il problema è sottovalutato dai genitori. I consigli dei pediatri: “Bisogna sensibilizzarli”

Enuresi notturna: il 4,6% degli adolescenti bagna ancora il letto

La pipì a letto non è soltanto un probema dei bambini in tenera età, ma secondo i pediatri l’enuresi notturna è un problema che riguarda anche gli adolescenti. Il dato emerge da un incontro che si è tenuto a Palermo tra i pediatri italiani, in occasione del 70esimo Congresso italiano di pediatria. L’indagine, condotta da 75 pediatri di famiglia, ha indagato l’epidemiologia del fenomeno valutando un campione di 3.165 bambini tra i 5 e i 14 anni in tre regioni italiane: Veneto, Toscana e Puglia.

I numeri del disagio

I dati parlano chiaro sul fenomeno dell’enuresi notturna: quasi il 4,6% dei ragazzi tra i 13 e 14 anni è ancora affetto da tale disturbo, spesso sottovalutato dai genitori che, nel 70% dei casi, non ne parla con il medico o lo specialista. I dati emergono dal Progetto Over realizzato dalla Società italiana di cure primarie pediatriche (Sicupp).

I fattori di rischio

“I risultati dell’indagine sono molto interessanti – spiega Marina Picca, presidente Sicupp -. La prevalenza del disturbo a 5 anni è del 16,2% e decresce progressivamente con l’età, ma  a 13 anni il 4,6% bagna ancora il letto. Familiarità e disturbi del sonno sono potenziali fattori di rischio”.

Come reagiscono i genitori

Secondo l’indagine, solo il 33% dei genitori ha parlato del problema con il pediatra, segnale della scarsa consapevolezza con cui i mamma e papà vivono l’enuresi notturna, tanto che solo il 12,2% dei bambini affetti è in terapia. L’indagine, sottolinea Marina Picca “ha valutato anche la percezione del problema da parte dei genitori: il 33,3% ammette che il disturbo condiziona in modo notevole l’organizzazione familiare, il 24,7% ritiene che limiti molto la attività del figlio con i compagni e l’11% lo considera molto imbarazzante”.

In breve

IL CONSIGLIO DEGLI SPECIALISTI

Secondo gli specialisti il per risolvere il problema della pipì a letto, è importante ”ricercare e riconoscere il problema, sensibilizzando i genitori, perché solo così si può migliorare la qualità di vita dei giovani pazienti e delle loro famiglie”.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come insegnare le regole a un bimbo di tre anni?

17/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ridimensionare le aspettative, armarsi di grande pazienza, dare il buon esempio: ecco cosa serve per educare un bambino.  »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti