Fare sport migliora la pagella degli adolescenti

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 08/11/2019 Aggiornato il 08/11/2019

I ragazzi che praticano regolarmente sport vanno meglio a scuola rispetto ai coetanei sedentari. L’attività fisica mantiene in salute non solo il corpo ma anche la mente

Fare sport migliora la pagella degli adolescenti

Lo sport praticato sin da bambini è importante quanto l’istruzione, fondamentale per la crescita e lo sviluppo. Ciò nonostante, alcuni genitori non agevolano i loro figli a fare attività fisica regolarmente, spesso per paura di far tralasciare loro gli impegni scolastici. Non sanno, però, che l’abitudine a praticare sport in bambini e adolescenti ha effetti positivi che permettono di raggiungere buoni risultati anche a scuola, migliorando la pagella.

Sport e apprendimento

Esisterebbe una correlazione positiva tra sport e apprendimento: i ragazzi che abbinano l’attività fisica allo studio hanno rendimento scolastico migliore e ottengono una pagella più bella. Di recente lo ha dimostrato uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Teheran e pubblicato sulla rivista medica Journal of Sport and Health Science. L’analisi è stata condotta su 56 ragazze di 15 – 16 anni divise  in due gruppi e monitorate per sei settimane: il primo gruppo ha partecipato a un training, mentre l’altro ha ricevuto solo raccomandazioni sulle attività fisiche. I risultati hanno rilevato che le ragazze che hanno partecipato al training sono riuscite ad aumentare le loro performance a scuola rispetto alle altre.

Manca una cultura dello sport

In alcuni Paesi chi fa sport viene “premiato” per l’accesso all’università. Negli Stati Uniti e in altri Paesi europei (soprattutto del Nord) l’educazione fisica ha lo stesso valore di altre discipline, mentre in Italia l’attività sportiva viene  considerata spesso come tempo prezioso tolto alla scuola. Serve quindi una “cultura dello sport” tanto negli operatori scolastici quanto nei genitori. Per gli adolescenti che trascorrono i pomeriggi davanti a tv e altri dispositivi digitali, praticare sport è fondamentale. Per questo, la scuola deve svolgere, insieme ai genitori, il delicato ruolo di gestire impegno scolastico e sportivo evitando il “drop out”, cioè l’abbandono dello sport preferito per motivi legati allo studio.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’attività fisica, oltre a migliorare il rendimento a scuola, aiuta a costruire ossa e muscoli forti, a mantenere il peso forma e il cuore sano e contrasta ansia e di depressione.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti