Fumo passivo: troppi i ragazzi esposti!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/02/2015 Aggiornato il 24/02/2015

Ben 4 adolescenti su 10 sarebbero esposti a fumo passivo. Con gravissimi rischi per la loro salute. Non solo ai polmoni. Ecco quali

Fumo passivo: troppi i ragazzi esposti!

Continuano a cadere nel vuoto gli avvertimenti degli esperti sui danni del fumo passivo. Infatti, sono ancora troppi i fumatori che accendono una sigaretta in presenza di soggetti deboli, in particolare bambini e ragazzi. L’ultima conferma arriva dal primo studio su questo problema condotto su scala globale, da un team di ricercatori americani, della University of Texas Medical Branch at Galveston, e pubblicato sul Journal of Adolescent Health.

Arruolati 350 mila ragazzi

La ricerca ha coinvolto un numero elevatissimo di adolescenti. In totale, infatti, sono stati arruolati 350 mila ragazzi provenienti da ben 168 Paesi, dunque, con background culturali e contesti ambientali, oltre che famigliari, molto differenti. Tutti sono stati invitati a compilare un questionario sull’esposizione al fumo passivo e sul consumo di sigarette. Lo scopo era capire quale rapporto esista fra mondo dell’adolescenza e fumo.

La responsabilità è anche dei genitori!

Analizzando i dati raccolti, gli autori hanno scoperto che il numero di adolescenti esposti a fumo passivo è molto più elevato di quanto si tende a ipotizzare solitamente. Non solo: molti di questi ragazzi non hanno mai acceso una sigaretta nella loro vita, per cui non hanno alcuna responsabilità per gli effetti nocivi cui rischia di andare incontro il loro organismo. Più precisamente, dall’indagine è emerso che il 40% dei ragazzi di tutto il mondo è esposto a fumo passivo. La cosa paradossale è che spesso la colpa è dei genitori o dei parenti: in un terzo dei casi, infatti, l’esposizione avviene in casa, mentre più di due quinti di questi giovani sono costretti a inalare i veleni emessi dalle sigarette fuori casa. “L’esposizione al fumo passivo per i ragazzi non fumatori che hanno entrambi i genitori e coetanei che fumano è 23 volte superiore a quella dei ragazzi non-fumatori che non hanno i fumatori intorno a loro” hanno spiegato gli autori.

I giovani non sono in grado di difendersi

La quasi totalità dei ragazzi che non hanno mai acceso una sigaretta è consapevole dei rischi delle “bionde”: ben il 90% conosce quali effetti può avere l’esposizione al fumo passivo e il 79% sa che è vietato fumare nei luoghi pubblici. Questa consapevolezza, però, evidentemente non basta a proteggerli. Gli adolescenti, infatti, non riescono a evitare gli ambienti fumosi.

Problemi ai polmoni, ma non solo

Il paradosso è che il fumo passivo non è ininfluente, ma è nocivo quanto quello diretto. Ormai non ci sono più dubbi sul fatto che mette a rischio non solo la salute dei polmoni, ma anche quella dell’apparato cardiovascolare, delle arterie  e di tutte le cellule. Ecco perché è necessario che genitori e istituzioni facciano il possibile per proteggere bambini e ragazzi.

 

 

In breve

ATTENZIONE AL FUMO DI TERZA MANO

Oltre al fumo passivo, bisogna fare attenzione anche a quello di terza mano, rappresentato dalle particelle che si depositano su abiti, mobili, tessuti. Ecco perché non fumare in presenza di bambini e ragazzi non basta: non bisogna fumare negli ambienti in cui soggiornano.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti