Ginecologi: la contraccezione si impara a scuola

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/11/2014 Aggiornato il 13/11/2014

Giovani disinformati in tema di sesso e contraccezione. I medici propongono di portare l’educazione sessuale sui banchi di scuola

Ginecologi: la contraccezione si impara a scuola

Un nuovo progetto sulla contraccezione a scuola, che insegni ai ragazzi cosa significa proteggersi e come farlo. L’idea è di un pool di ginecologi riuniti al Congresso nazionale di Cagliari, che propongono al Ministero dell’istruzione un progetto scolastico di educazione riproduttiva, mirato alla prevenzione dei pericoli connessi al sesso non protetto: infezioni, malattie sessualmente trasmesse, gravidanze indesiderate.

Le iniziative sul web

Intanto proliferano le attività educative promosse sul web, la piattaforma ideale per raggiungere i giovanissimi. La Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo) ha promosso ScegliTu (www.sceglitu.it), il primo progetto nazionale di educazione a una sessualità responsabile, ormai attivo da 10 anni. È rivolto in prima battuta agli adolescenti che si affacciano alla vita sessuale, ma è ricco di consigli anche per le fasce d’età adulte.  Anche l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, con il contributo del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, è favorevole a un nuovo progetto sulla contraccezione a scuola. Settimane fa, infatti, ha lanciato il sito www.sballatidisalute.it che, attraverso un percorso guidato e un linguaggio digitale familiare ai giovanissimi, tratta temi legati agli stili di vita corretti.  Si propone di raggiungere circa 7 milioni di giovani in tutta Italia, grazie anche alla collaborazione di scuole e autorità regionali e provinciali, coinvolte nella divulgazione del portale. Il progetto avrà una pagina Facebook dedicata, che consentirà di promuovere il sito anche sui social network.

Più a rischio i giovani

È provato che in Europa le fasce di popolazione più esposte ai rischi derivati da comportamenti sessuali non responsabili sono i giovani. In Italia la situazione è aggravata dal fatto che, a differenza di altri Paesi, l’educazione sessuale non è una materia scolastica obbligatoria. Per questo un nuovo progetto sulla contraccezione a scuola è accolto con favore. Secondo dati della Sigo, in Italia è ancora forte l’ignoranza in tema di contraccezione: il 30% delle giovani ritiene che il coito interrotto sia un efficace sistema contraccettivo. Quattro su 10 affrontano la prima esperienza sessuale senza nessuna protezione. Solo il 16% sostiene di sentirsi ben informata su tutti i metodi a disposizione, il 70% è costantemente preoccupata di dimenticarsi il contraccettivo in uso e il 19% ha affrontato una gravidanza indesiderata. Una donna su 5 non ha mai parlato con il proprio medico di contraccezione.

In breve

MANCA L’INFORMAZIONE

Solo il 16% delle ragazze italiane ha seguito lezioni in classe da insegnanti o medici. Nel mondo, una gravidanza su 5 termina in un aborto.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti