Gioco d’azzardo & adolescenti: un fenomeno in crescita

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/03/2015 Aggiornato il 31/03/2015

Un’indagine condotta sugli studenti delle scuole superiori mostra dati allarmanti, soprattutto per quanto riguarda l’online

Gioco d’azzardo & adolescenti: un fenomeno in crescita

Sei studenti su cento giocano almeno una volta a settimana. Sono in prevalenza maschi e minorenni. Si inizia anche da bambini, a 10 anni, provando a “grattare” con i genitori. Sono i risultati di una ricerca condotta dallo psicologo Simone Feder che ha coinvolto 1.520 studenti delle scuole superiori, l’80% dei quali minorenni, e il 20% di età compresa tra 18 e 20 ani.

Maschi e minorenni

Il 43% degli studenti afferma di aver giocato con gratta e vinci, 20% alle scommesse, il 10% alle slot, l’8% su Internet. C’è un 6% di studenti che gioca d’azzardo tutte le settimane, la maggior parte è di sesso maschile, ma il dato ancora più allarmante è quello relativo alla frequenza di gioco giornaliera: il 13% afferma di giocare ogni giorno alle slot, il 12% su internet, il 5% scommette e il 2% compra gratta e vinci. Gioca più frequentemente e spende maggiormente in azzardo chi ha iniziato più precocemente (26% per le slot e 30% con i gratta e vinci a meno di dieci anni).

Aggirati i divieti

I luoghi in cui gli studenti riferiscono di giocare d’azzardo sono i bar e le tabaccherie, in particolare per quel che riguarda i gratta e vinci e le slot. In barba al divieto di gioco per i minorenni, c’è poi un 7% di minori che ha giocato d’azzardo in sale scommesse, fino al 26% di minorenni che hanno giocato d’azzardo in tabaccheria.

Consapevoli dei rischi ma attratti

La buona notizia è che il 92% dei ragazzi intervistati è consapevole dei rischi e ritiene infatti che il gioco d’azzardo possa creare dipendenza; tuttavia per un 20% di loro la parola azzardo è associata ancora a cose positive (fortuna, divertimento, guadagno), la stessa percentuale lo ritiene poco o per nulla pericoloso e il 35% ha riferito che non fermerebbe un amico vedendolo giocare d’azzardo. Le motivazioni che spingerebbero le persone a giocare d’azzardo sono ricondotte nel 67% dei casi alla volontà di arricchirsi, nel 16% al gusto della sfida, 15% passatempo o noia.

L’importanza dei media

Fondamentale, per la conoscenza dell’azzardo, è l’informazione. Il 32% dei ragazzi dichiara di aver appreso che giocare d’azzardo è legale e lecito in Italia proprio dai media. Il 23%, invece, tra la propria informazione da ciò che vede nei bar. Il 18% dei ragazzi intervistati riferisce di avere parenti che giocano abitualmente d’azzardo.

 

 

 

  

In breve

UNA PIAGA EUROPEA 

Secondo le stime (per difetto) della Commissione europea sono 6,8 milioni i consumatori che partecipano a uno o più giochi online. In particolare, gli adolescenti sono i più vulnerabili e anche i più esposti al fenomeno, soprattutto del “gambling online”, visto che il 75% dei cittadini europei con meno di 17 anni utilizza internet.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti