Gioco d’azzardo patologico: adolescenti a rischio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/07/2013 Aggiornato il 08/07/2013

Gli ultimi dati rivelano che gli adolescenti affetti da gioco d’azzardo patologico sono in aumento

Gioco d’azzardo patologico: adolescenti a rischio

Stando a una ricerca del Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio (DPA), sono sempre più numerosi gli adolescenti a rischio di gioco d’azzardo patologico (GAP). I dati aggiornati al 2013 rivelano che tra gli studenti i giocatori sono stati il 48.2%, con un lieve aumento rispetto al 2012. Tra questi, il 6% risulta avere una condizione di gioco patologico, mentre il 10.9% è classificabile come giocatore a rischio gambling.

È una vera e propria emergenza

Secondo Giovanni Serpelloni, capo del Dipartimento che ha realizzato l’indagine, i dati raccolti dimostrano la serietà del problema e spingono a parlare di vera e propria emergenza da gioco d’azzardo patologico fra gli adolescenti. Il DPA ha deciso di intervenire mettendo a punto uno specifico progetto GAP, che prevede la collaborazione di 14 regioni italiane. Inoltre, sul sito internet è disponibile una specifica sezione informativa dedicata al problema.  È proprio dei giorni scorsi la notizia che un ragazzo di 19 anni si è tolto la vita dopo avere perso tutti i suoi risparmi con il gioco d’azzardo on line.

Si associa spesso ad altre dipendenze

Il gioco d’azzardo patologico è stato definito come “un comportamento persistente, ricorrente e maladattivo di gioco che comprende gli aspetti della vita personale, familiare e lavorativa del soggetto”. Molto spesso il GAP è associato all’uso di sostanze stupefacenti, all’abuso di alcol e alla presenza di patologie psichiatriche. Colpisce particolarmente i giovani e gli adolescenti, sebbene gli adulti e gli anziani non ne siano esenti.

In breve

ESISTONO TRATTAMENTI EFFICACI

Gli adolescenti affetti da gioco d’azzardo patologico possono essere aiutati. Esiste una vasta gamma di trattamenti utili, come i servizi territoriali, le strutture residenziali, i giocatori anonimi, gli specialisti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti