Giovani fumatori in aumento, e non solo di tabacco!

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 29/08/2018 Aggiornato il 29/08/2018

In Italia un ragazzo su dieci fuma regolarmente, quasi la metà ha fumato o fuma ogni tanto e più della metà dei giovani fumatori abituali fa uso anche di cannabis. Ecco i dati rivelati dall'Iss.

Giovani fumatori in aumento, e non solo di tabacco!

I giovani fumatori sono sempre di più. Il fumo rappresenta, ancora oggi, una tentazione irresistibile per moltissimi ragazzi, un modo per “entrare” nel mondo degli adulti. Non è un caso, infatti, che la prima sigaretta molto spesso coincida con l’ingresso alle superiori, con il passaggio nella scuola “dei grandi”. Fumare significa condividere uno spazio e un tempo con gli amici fumatori.

Prima sigaretta alle superiori

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Istituto superiore della sanità (Iss), un giovane su dieci è consumatore abituale di sigarette e, tra i giovani fumatori, più della metà fuma anche cannabis.  Secondo i dati presentati dall’Ossfad del Centro nazionale dipendenza e doping dell’Iss, in occasione della Giornata mondiale senza tabacco, i ragazzi tra i 14 e i 17 anni accendono la prima sigaretta alle scuole secondarie di secondo grado e una piccola percentuale, addirittura, inizia a fumare alle scuole elementari (9-10 anni).“È necessario potenziare i sistemi di prevenzione primaria per scongiurare questa nuova linea di tendenza che vede il consumo di tabacco anche tra i giovanissimi – dice il presidente dell’Iss Walter Ricciardi – prima che a questa dipendenza se ne associno altre altrettanto o più pericolose”.

L’identikit del piccolo fumatore

Gli studiosi impegnati nell’indagine Explora, realizzata su un campione di quindicimila giovani tra i 14 e i 17 anni, hanno individuato l’identikit dei giovani fumatori: il più delle volte maschio, che frequenta istituti professionali e licei artistici, con risultati mediocri o appena sufficienti, ha genitori con un’istruzione medio-bassa e con scarso controllo sulle spese dei figli; inoltre, fa meno sport rispetto ai coetanei e beve più energy drink. I giovani fumatori abituali, inoltre, bevono fino a quattro consumazioni di birra e super alcolici a settimana.

In crescita anche la canna

Dati in crescita sul consumo di droghe: più della metà dei giovani fumatori abituali (con precisione il 65,6%) ha fumato almeno una volta anche cannabis nell’ultimo anno rispetto al 2% dei non fumatori.

SE VUOI APPROFONDIRE I PROBLEMI DELL’ADOLESCENZA, LEGGI QUI

 

 
 
 

Lo sapevi che?

L’indagine Iss-Doxa ha evidenziato un leggero aumento del numero complessivo di fumatori: 12,2 milioni rispetto a 11,7 del 2017.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti