Giovani fumatori in aumento, e non solo di tabacco!

Pamela Franzisi
A cura di Pamela Franzisi
Pubblicato il 29/08/2018 Aggiornato il 29/08/2018

In Italia un ragazzo su dieci fuma regolarmente, quasi la metà ha fumato o fuma ogni tanto e più della metà dei giovani fumatori abituali fa uso anche di cannabis. Ecco i dati rivelati dall'Iss.

Giovani fumatori in aumento, e non solo di tabacco!

I giovani fumatori sono sempre di più. Il fumo rappresenta, ancora oggi, una tentazione irresistibile per moltissimi ragazzi, un modo per “entrare” nel mondo degli adulti. Non è un caso, infatti, che la prima sigaretta molto spesso coincida con l’ingresso alle superiori, con il passaggio nella scuola “dei grandi”. Fumare significa condividere uno spazio e un tempo con gli amici fumatori.

Prima sigaretta alle superiori

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Istituto superiore della sanità (Iss), un giovane su dieci è consumatore abituale di sigarette e, tra i giovani fumatori, più della metà fuma anche cannabis.  Secondo i dati presentati dall’Ossfad del Centro nazionale dipendenza e doping dell’Iss, in occasione della Giornata mondiale senza tabacco, i ragazzi tra i 14 e i 17 anni accendono la prima sigaretta alle scuole secondarie di secondo grado e una piccola percentuale, addirittura, inizia a fumare alle scuole elementari (9-10 anni).“È necessario potenziare i sistemi di prevenzione primaria per scongiurare questa nuova linea di tendenza che vede il consumo di tabacco anche tra i giovanissimi – dice il presidente dell’Iss Walter Ricciardi – prima che a questa dipendenza se ne associno altre altrettanto o più pericolose”.

L’identikit del piccolo fumatore

Gli studiosi impegnati nell’indagine Explora, realizzata su un campione di quindicimila giovani tra i 14 e i 17 anni, hanno individuato l’identikit dei giovani fumatori: il più delle volte maschio, che frequenta istituti professionali e licei artistici, con risultati mediocri o appena sufficienti, ha genitori con un’istruzione medio-bassa e con scarso controllo sulle spese dei figli; inoltre, fa meno sport rispetto ai coetanei e beve più energy drink. I giovani fumatori abituali, inoltre, bevono fino a quattro consumazioni di birra e super alcolici a settimana.

In crescita anche la canna

Dati in crescita sul consumo di droghe: più della metà dei giovani fumatori abituali (con precisione il 65,6%) ha fumato almeno una volta anche cannabis nell’ultimo anno rispetto al 2% dei non fumatori.

SE VUOI APPROFONDIRE I PROBLEMI DELL’ADOLESCENZA, LEGGI QUI

 

 
 
 

Lo sapevi che?

L’indagine Iss-Doxa ha evidenziato un leggero aumento del numero complessivo di fumatori: 12,2 milioni rispetto a 11,7 del 2017.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti