Gli adolescenti preferiscono lo smartphone e i rischi aumentano

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/11/2013 Aggiornato il 11/11/2013

Una ricerca svela che la maggior parte dei ragazzi usa lo smartphone per connettersi a internet. Il risultato? Per i genitori è più difficile controllarli

Gli adolescenti preferiscono lo smartphone e i rischi aumentano

Il pc è un mezzo ormai superato. Oggi i ragazzi, per connettersi a internet, preferiscono lo smartphone, sfuggendo così al controllo dei genitori. Lo rivela la ricerca “Adolescenti e stili di vita” condotta dalla Società italiana di pediatria (Sip). Secondo la nuova indagine, per collegarsi in rete, il 51% degli adolescenti utilizza lo smartphone, il 50% il pc fisso, il 28% il notebook e il 24% il tablet. Questa nuova moda, secondo gli esperti, è molto pericolosa. Infatti, per mamma e papà è molto più facile controllare i siti su cui naviga il figlio se questo usa il computer fisso. Lo smartphone, infatti, è uno strumento molto più personale. Oltretutto, può essere portato ovunque in qualunque momento, anche a scuola, a letto, al cinema. Così il ragazzo sfugge a ogni possibile supervisione.

I pericoli maggiori

Questa minore possibilità di controllo appare ancora più problematica alla luce di un altro dato evidenziato dalla ricerca. Secondo la Sip, infatti, molti adolescenti hanno una bassa percezione dei rischi connessi con la navigazione e adottano comportamenti poco prudenti. In effetti, secondo i dati raccolti, per il 56% degli intervistati dare l’amicizia su Facebook a uno sconosciuto non è pericoloso, per il 35% non è pericoloso scambiarsi il numero di telefono e per il 26% non è pericoloso nemmeno accettare un incontro. Inoltre, il 59% dei ragazzi ha ammesso di aver dato l’amicizia Facebook a una persona sconosciuta; il 22% di averle detto la scuola che frequenta; il 29% di aver scambiato il numero di telefono; il 18% di averle inviato una propria foto; il 20% di aver accettato un incontro al quale è andato insieme ad amici e il 9% di aver accettato un incontro al quale è andato da solo. 

In breve

COME COMPORTARSI

Vietare l’uso dello smartphone o del pc non sempre è la soluzione migliore. Per proteggere i ragazzi dai pericoli della rete è importante che i genitori instaurino con loro un rapporto basato sul dialogo e la fiducia reciproca. È importante, poi, controllare l’uso che fanno di internet. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti