Hiv: allarme rosso per gli adolescenti

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 21/09/2018 Aggiornato il 21/09/2018

Secondo le ultime stime dell'Unicef sono in particolare le ragazze (due casi su tre) a infettarsi con l’hiv: ogni due minuti un adolescente si contagia

Hiv: allarme rosso per gli adolescenti

L’Unicef ha diffuso il nuovo rapporto sui contagi da hiv “Women: at the heart of the hiv response for children”. Nello scorso anno, ogni ora circa 30 adolescenti fra 15 e 19 anni sono stati contagiati dall’hiv: vale a dire uno ogni due minuti. Le ragazze sono le più colpite. Nel 2017 sono stati 130mila i morti tra i 10 e i 19 anni, mentre 430mila (50 ogni ora) si sono ammalati. Sempre lo scorso anni circa 1,2 milioni di adolescenti tra i 15 e i 19 anni convivevano con l’hiv e 3 su 5 erano ragazze.

Rapporti sessuali precoci a rischio

La diffusione dell’epidemia tra le ragazze è alimentata da rapporti sessuali precoci e non protetti. Le giovani sono particolarmente esposte al virus per una serie di fattori, biologici e culturali: la conformazione degli organi genitali femminili non aiuta. Le ragazze, inoltre, temono di chiedere al proprio partner di utilizzare il preservativo, nella convinzione di ricevere un giudizio negativo. “In molti Paesi del mondo le donne e le ragazze non hanno accesso a informazioni e servizi o non hanno il potere di dire no a un rapporto sessuale non protetto – ha dichiarato Henrietta Fore, direttore generale Unicef -. Così l’hiv prospera tra i più vulnerabili e ai margini, lasciando le ragazze al centro di questa crisi”.

 

 

 

Da sapere!

L’hiv non è il solo virus veicolato dal sesso. Sono in aumento anche i casi di sifilide, gonorrea e papilloma virus.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti