Hpv: ancora troppo pochi i genitori che si fidano del vaccino

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2016 Aggiornato il 12/01/2016

Solo 7 ragazze italiane su 10 sfruttano l’opportunità del vaccino gratis. Eppure il papilloma virus è il principale responsabile dei tumori al collo dell’utero

Hpv: ancora troppo pochi i genitori che si fidano del vaccino

L’Italia è stato il primo Paese in Europa a stabilire la gratuità della vaccinazione anti-HPV e ad assicurarne la commercializzazione e la rimborsabilità nell’ambito di un programma nazionale. A partire dal 2007/2008, il ministero della Salute ha fissato l’obiettivo di prevenire i tumori e i disturbi collegati al Papilloma virus umano in almeno il 95% delle ragazze, per questo ha reso disponibile gratis, in tutta Italia, il vaccino contro l’HPV alle ragazzine 12enni, e in alcune Regioni anche ai coetanei maschi. Ma a otto anni di distanza il traguardo sembra ancora distante: solo il 70% degli aventi diritto ha richiesto il vaccino.

Un’infezione molto pericolosa

L’infezione da Hpv, una tra le più comuni malattie sessualmente trasmesse, è responsabile del tumore al collo dell’utero nel 75 per cento dei casi; si tratta del secondo tumore più frequente nell’Unione Europea, nella fascia d’età tra i 15 e i 44 anni, si trova infatti al quinto posto nella classifica dei tumori femminili più diffusi, con 2.100 nuove diagnosi stimate in Italia nel 2015. L’Hpv, inoltre, può causare il cancro in altre parti del corpo come vulva, vagina, pene, ano, bocca e faringe. Per questo può essere pericoloso anche per gli uomini; un terzo dei casi di infezione da HPV, infatti, li riguarda. I maschi, a differenza delle donne, non dispongono di strumenti ed esami utili per verificare la presenza del virus e le sue conseguenze, come lo screening che permette di accertare la condizione del collo dell’utero. Proprio per questo i ragazzi corrono un rischio di infezione di ben cinque volte maggiore rispetto alle loro coetanee.

Diversi tipi di Hpv

Esistono più di 120 tipi di Hpv, che si differenziano a seconda del tessuto che colpiscono e per la gravità degli effetti. La maggior parte delle infezioni da Hpv è transitoria, perché il virus viene elimitato dal sistema immunitario prima che sviluppi un effetto patogeno. I virus Hpv più importanti sono quattro, etichettati con numeri 6, 11, 16 e 18. I primi due, a basso rischio, causano il 90 per cento dei condilomi (o verruche genitali), lesioni estremamente contagiose e molto dolorose, che interessano gli organi genitali e altre mucose. Gli altri sono responsabili del 75 per cento di tutti i tumori del collo dell’utero e di altre neoplasie.

Le motivazioni dei genitori

Per capire i motivi della scarsa adesione alla vaccinazione da parte dei genitori, il ministero della Salute ha condotto uno studio, intervistando un campione di famiglie che, pur avendo la possibilità di fare vaccinare le proprie figlie, hanno deciso di non farlo. È emerso che le ragioni che spingono i genitori a non vaccinare sono principalmente tre: la paura di eventi avversi, informazioni discordanti ricevute dai medici, scarse notizie riguardanti l’infezione.

 

 

In breve

UNA MALATTIA A TRASMISSIONE SESSUALE

Il contagio avviene soprattutto per via sessuale, per contatto con lesioni che si creano sulla cute o sulle mucose di una persona infetta e quella di un soggetto “suscettibile”, cioè che non ha mai incontrato prima questo tipo di virus.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti