I ragazzi bocciati in igiene orale

Alberta Mascherpa
A cura di Alberta Mascherpa
Pubblicato il 01/02/2019 Aggiornato il 01/02/2019

I nativi digitali sbagliano le mosse dell’igiene orale e, pur dedicando il giusto tempo alla pulizia, spazzolano i denti in modo sbagliato e dimenticano anche importanti aree della bocca

I ragazzi bocciati in igiene orale

Sono cresciuti con il web, hanno dimestichezza con la tecnologia, sono aperti alle novità. Eppure i nativi digitali meritano l’insufficienza quando si tratta di igiene orale. Non sanno infatti usare come si deve lo spazzolino e questo può essere un grosso problema visto che la salute dei denti dipende innanzitutto da una corretta igiene orale.

Monitorati quasi 100 ragazzi

A bocciare le giovani generazioni in igiene orale è uno studio pubblicato sulla rivista BMC Oral Health. I ricercatori della Justus Liebig University di Giessen, una piccola cittadina della Germania, hanno selezionato 98 ragazzi e ragazze di 18 anni. Ai partecipanti è stato chiesto di spazzolare i denti al meglio di quanto sapessero fare ed è stato fornito loro un tablet da porre davanti al lavabo per riprendere le loro quotidiane operazioni di igiene orale.

Usano male lo spazzolino

Il risultato è stato ben poco soddisfacente. Si è visto infatti che, pur spazzolando a lungo i denti, in media quasi tre minuti e mezzo per seduta (e questo è sicuramente un aspetto positivo), i giovani eseguivano male l’operazione. Il loro primo errore? Nonostante si insegni già ai bambini a spazzolare le superfici laterali dei denti sia con movimenti circolari che verticali, il campione esaminato ha trascorso quasi il 40% del tempo sfregando orizzontalmente le superfici dei denti rivolte verso l’esterno della bocca, un gesto utile solo fino ad un certo punto e che non deve costituire l’operazione più importante dell’igiene orale.

Si dimenticano alcune aree

Tutti i ragazzi poi hanno spazzolato tre volte più a lungo la superficie occlusale, ovvero quella masticante, rispetto a quella rivolta verso il palato dove si deposita più placca. Solo il 5% ha  spazzolato con cura questa zona ma dedicandovi comunque pochi secondi. L’unica notizia positiva è che tutti i partecipanti alla ricerca hanno dedicato tre minuti e 20 secondi allo spazzolamento dei denti, segno che hanno compreso come la fretta sia nemica di una buona igiene orale.

Non conoscono i gesti corretti

Ma spazzolare bene i denti non è solo una questione di tempo ma anche di gesti corretti e in questo i ragazzi sembrano non essere assolutamente preparati. Per di più bisogna tener conto che i ragazzi possono aver dare il meglio proprio perché osservati mentre nella vita quotidiana spesso la loro igiene orale è decisamente più frettolosa e distratta.

 

DA SAPERE

SERVE IL CONTROLLO DEI GENITORI

Le mosse di una corretta igiene orale si insegnano sin da bambini. È importante però che i genitori controllino sempre come i figli piccoli, ma anche più grandicelli, spazzolano i denti in modo da correggere eventuali abitudini sbagliate.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti