Il fumo mette a rischio di infezioni a trasmissione sessuale

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/03/2015 Aggiornato il 23/03/2015

Il fumo di sigaretta aumenterebbe le possibilità di contrarre il papilloma virus alla bocca, causa di tumore

Il fumo mette a rischio di infezioni a trasmissione sessuale

Che i fumatori danneggiassero la propria salute, è cosa nota, ma ora spunta anche un’altra temibile malattia che potrebbe essere favorita dal fumo delle sigarette. Secondo una nuova ricerca, infatti, per chi fuma aumenta il rischio di sviluppare un’infezione a trasmissione sessuale come il papilloma virus umano orale di tipo 16, o HPV-16.

Rischio tumore

Il papilloma virus orale si ritiene essere responsabile dell’aumento dell’incidenza di tumori orofaringei a cellule squamose. Data l’alta incidenza, i ricercatori della School of Medicine presso la Baltimora Johns Hopkins University hanno voluto valutare l’associazione tra il numero auto-riferito di sigarette fumate al giorno e la prevalenza di HPV-16 orale nelle persone. L’analisi ha incluso 6.887 partecipanti al National Health and Nutrition Examination Survey con più di 14 anni. Di questi, 2.012 (il 28,6%) erano correnti utilizzatori di tabacco e a 63 (l’1%) è stato rilevato l’HPV-16 orale.

Scoperto legame con il fumo

La presenza di questo virus era maggiore negli utilizzatori di tabacco attuali nella misura del 2,0% rispetto ai mai o ex consumatori di tabacco, con lo 0,6%. Nelle persone con infezione da HPV-16 orale i livelli medi di cotinina (un alcaloide del tabacco e metabolita della nicotina che si utilizza anche come biomarcatore per l’esposizione al fumo) e NNAL (un metabolita associato alle nitrosamine, noti agenti cancerogeni) erano più alti rispetto a coloro che non presentavano l’infezione.

Il caso di Michael Douglas

Del resto, c’è stato anche un caso famoso: il celebre attore americano Michael Douglas aveva dichiarato in un’intervista che il proprio tumore alla gola era stato causato dal sesso orale. La scienza confermò il legame. Oggi gli scienziati dell’ospedale americano di ricerca Johns Hopkins aggiungono un importante tassello al quadro, quando sostengono che esiste una forte associazione tra l’uso o l’esposizione al tabacco e l’infezione da papilloma virus umano orale, il virus a trasmissione sessuale responsabile di tumori della bocca e della gola. Il loro numero è aumentato del 225 per cento negli Stati Uniti nel corso degli ultimi due decenni.

Incriminata la cotinina

In pratica, quindi, è vero che è il virus sessualmente trasmesso a essere spesso alla base delle neoplasie che colpiscono l’orofaringe, ma è più facile che l’infezione avvenga nelle persone che hanno recentemente usato o sono state esposte al tabacco, indipendentemente dal loro comportamento sessuale, secondo gli autori del nuovo studio pubblicato sulla rivista Jama. Secondo gli scienziati, ogni aumento del livello ematico di cotinina, equivalente a tre sigarette al giorno, aumentava le probabilità di prevalenza dell’HPV16 del 31 per cento. Ogni livello crescente di NNAL (composto legato al fumo) rilevato nelle urine, l’equivalente di quattro sigarette al giorno, aumentava le probabilità di prevalenza dell’HPV16 del 68 per cento. I due eventi (fumo e infezione) possono considerarsi perciò fortemente associati.

L’invito è smettere di fumare

“Questi risultati possono fornire un ulteriore motivo per smettere di fumare e suggeriscono che quantità anche modeste di uso del tabacco sono associate a una maggiore prevalenza di HPV orale”, concludono gli autori. Che però ricordano che il fumo o altre forme di uso del tabacco non causano direttamente l’infezione e che i non fumatori possono comunque essere infettati dall’HPV16.

 

 

 

da ricordare!

IL PRESERVATIVO NON PROTEGGE

L’utilizzo del profilattico non protegge totalmente dal contagio del papilloma virus che può essere presente anche sullo scroto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti