Il sonno dei ragazzi: dormire bene per vivere meglio. Consigli per i genitori

Andare a dormire alla stessa ora, evitare tv e videogiochi la sera, praticare sport: ecco alcuni accorgimenti per favorire un buon sonno nei ragazzi

Il sonno dei ragazzi: dormire bene per vivere meglio. Consigli per i genitori

Un buon sonno nei ragazzi è fondamentale per far sì che affrontino al meglio la giornata. Influisce sulla loro capacità di concentrazione, sulla memoria e sull’apprendimento, oltre che sull’umore e sulla loro stabilità emotiva. I pediatri avvertono: i genitori devono assicurarsi che i propri figli, se di età superiore agli 11 anni, dormano almeno 8 ore. Ecco che cosa consigliano gli specialisti.

Quando un ragazzo dorme poco o è agitato di notte, bisogna modificare il suo stile di vita sia di notte sia di giorno. È importante iniziare a mangiare bene, svolgere attività fisica durante il giorno (non solo con gli sport, ma anche con il semplice movimento).

È utile andare a dormire alla sera sempre alla stessa ora. Questo favorisce la regolarità del sonno e della giornata di un ragazzo.

Per favorire il relax ed eliminare le distrazioni che disturbano il sonno nei ragazzi, è consigliato evitare che trascorrano la serata davanti alla televisione, ai videogiochi o al computer, perché possono creare ansia e agitazione, alterando i normali ritmi del sonno.

I farmaci o altri tipi di sostanze che si trovano in commercio (per migliorare l’attenzione e le prestazioni intellettive) sono assolutamente sconsigliati dai pediatri. Non sono una soluzione per conciliare il sonno nei ragazzi, nemmeno se a un adolescente capita di addormentarsi in classe. Per la loro salute psicofisica e per ristabilire un corretto ritmo sonno-veglia, avvertono i medici, bisogna sempre agire sui tre cardini dello stile di vita: sonno, cibo e movimento. Una sana alimentazione, un po’ di movimento e un adeguato numero di ore di sonno garantiscono un miglior rendimento scolastico. 

In breve

Il segreto di un buon riposo? Un corretto stile di vita

Per riprendere a dormire bene e affrontare al meglio la giornata, i ragazzi non dovrebbero giocare a lungo con i videogiochi o stare troppo tempo davanti alla televisione. Occorre, inoltre, che si alimentino bene e che facciano un po’ di movimento. Questi accorgimenti sono più che sufficienti per riprendere un corretto ritmo di sonno-veglia, senza bisogno di ricorrere a farmaci specifici.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti