Il sonno dei ragazzi: dormire bene per vivere meglio. Consigli per i genitori

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/11/2012 Aggiornato il 05/11/2012

Andare a dormire alla stessa ora, evitare tv e videogiochi la sera, praticare sport: ecco alcuni accorgimenti per favorire un buon sonno nei ragazzi

Il sonno dei ragazzi: dormire bene per vivere meglio. Consigli per i genitori

Un buon sonno nei ragazzi è fondamentale per far sì che affrontino al meglio la giornata. Influisce sulla loro capacità di concentrazione, sulla memoria e sull’apprendimento, oltre che sull’umore e sulla loro stabilità emotiva. I pediatri avvertono: i genitori devono assicurarsi che i propri figli, se di età superiore agli 11 anni, dormano almeno 8 ore. Ecco che cosa consigliano gli specialisti.

Quando un ragazzo dorme poco o è agitato di notte, bisogna modificare il suo stile di vita sia di notte sia di giorno. È importante iniziare a mangiare bene, svolgere attività fisica durante il giorno (non solo con gli sport, ma anche con il semplice movimento).

È utile andare a dormire alla sera sempre alla stessa ora. Questo favorisce la regolarità del sonno e della giornata di un ragazzo.

Per favorire il relax ed eliminare le distrazioni che disturbano il sonno nei ragazzi, è consigliato evitare che trascorrano la serata davanti alla televisione, ai videogiochi o al computer, perché possono creare ansia e agitazione, alterando i normali ritmi del sonno.

I farmaci o altri tipi di sostanze che si trovano in commercio (per migliorare l’attenzione e le prestazioni intellettive) sono assolutamente sconsigliati dai pediatri. Non sono una soluzione per conciliare il sonno nei ragazzi, nemmeno se a un adolescente capita di addormentarsi in classe. Per la loro salute psicofisica e per ristabilire un corretto ritmo sonno-veglia, avvertono i medici, bisogna sempre agire sui tre cardini dello stile di vita: sonno, cibo e movimento. Una sana alimentazione, un po’ di movimento e un adeguato numero di ore di sonno garantiscono un miglior rendimento scolastico. 

In breve

Il segreto di un buon riposo? Un corretto stile di vita

Per riprendere a dormire bene e affrontare al meglio la giornata, i ragazzi non dovrebbero giocare a lungo con i videogiochi o stare troppo tempo davanti alla televisione. Occorre, inoltre, che si alimentino bene e che facciano un po’ di movimento. Questi accorgimenti sono più che sufficienti per riprendere un corretto ritmo di sonno-veglia, senza bisogno di ricorrere a farmaci specifici.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti