Il vizio del gioco non risparmia nemmeno bambini e adolescenti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/06/2014 Aggiornato il 11/06/2014

Slot, bingo, lotterie e scommesse sportive attraggono anche i bambini e gli adolescenti, con un altissimo rischio di cadere vittime del vizio del gioco precoce

Il vizio del gioco non risparmia nemmeno bambini e adolescenti

Tutti, ormai, sanno che il gioco d’azzardo nasconde molte insidie, primo tra tutti il vizio del gioco. Solo in pochi, però, sono a conoscenza del fatto che i rischi non riguardano solo gli adulti. Infatti, anche i bambini e gli adolescenti amano slot machine, bingo e scommesse e corrono grandi pericoli. Lo rivela un’indagine nazionale sul vizio del gioco nei minori, promossa dalla Società italiana medici pediatri (Simpe) e dall’Osservatorio Nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza (Paidòss), presentata durante l’International Pediatric Congress on Environment, Nutrition and Skin Diseases.

Attenzione alla ludopatia

La ricerca ha coinvolto un campione di genitori e di bambini e adolescenti di età compresa fra i 7 e i 17 anni. Mamme e papà sono stati invitati a rispondere a dei questionari sul vizio del gioco e sulla ludopatia, ossia il gioco d’azzardo patologico. Ai ragazzini, invece, è stato chiesto se e quanto giocassero con slot, bingo e lotterie.

A rischio 800mila bambini

Dall’analisi dei risultati è emerso che sono almeno 800 mila i bambini e gli adolescenti italiani fra i 10 e i 17 anni che giocano d’azzardo. In pratica uno su cinque. Il fenomeno non risparmia nemmeno i più piccoli. Nella fascia d’età sette-nove anni, già 400 mila bimbi hanno speso la paghetta in lotterie, scommesse sportive e bingo.

L’atteggiamento dei genitori

Purtroppo, i genitori non sono di grande aiuto: il 90% non conosce neppure il termine ludopatia e il 70% non ha mai parlato del tema in famiglia. “I genitori percepiscono più o meno chiaramente che il gioco d’azzardo potrebbe essere un problema, ma sembra quasi che sia qualcosa che non li riguardi” ha spiegato Giuseppe Mele, presidente di Simpe e Paidòss. Uno sbaglio. Infatti, a correre rischi non è solo il bambino di oggi, ma anche l’adolescente di domani: un bimbo che sperpera la paghetta alla sala giochi diventerà molto probabilmente un adulto con problemi di ludopatia.

Presto una campagna informativa

Alla luce di questo quadro preoccupante, i pediatri della Simpe hanno organizzato la campagna “Ragazzi in gioco”, che ha l’obiettivo di organizzare corsi dedicati agli studenti nelle scuole e ai pediatri.

In breve

I CONSIGLI PER I GENITORI

Secondo gli esperti, per limitare i rischi, è essenziale che i genitori parlino della ludopatia in famiglia e stabiliscano regole chiare, diversa a seconda che i figli siano bambini o adolescenti. In tutti i casi, devono fare attenzione anche a Pc, tablet e cellulari: oggi, infatti, i ragazzini possono facilmente giocare d’azzardo attraverso questi dispositivi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti