Infertilità: 5 regole salva-adolescenti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/07/2016 Aggiornato il 22/07/2016

Metà dei ragazzi maschi soffre di disturbi andrologici ed è a rischio infertilità. Arriva un progetto di prevenzione che coinvolge tutti i pediatri italiani

Infertilità: 5 regole salva-adolescenti

L’ infertilità è un problema che può essere combattuto sin da giovanissimi. La Sia (Società italiana di andrologia) e la Società italiana di pediatria (Sip) hanno lanciato un progetto di prevenzione andrologica nell’età evolutiva che vedrà coinvolti i pediatri di tutt’Italia.

Primo step dal pediatra di famiglia

“Non è mai stata fatta una simile prevenzione nei pazienti in età evolutiva, un errore di cui si pagano le spese – spiega Matteo Sulpasso, primario della U.O. di chirurgia pediatrica e andrologia pediatrica dell’età evolutiva presso la Clinica Pederzoli di Peschiera del Garda (Vr), membro della Sia e ideatore dell’iniziativa -. Tutti i pediatri di famiglia italiani dovranno inserire nei bilanci di salute anche la situazione andrologica del piccolo paziente, che verrà monitorata tramite la compilazione a età prestabilite di una scheda andrologica, messa a punto grazie alla collaborazione tra la Società italiana di andrologia (Sia) e la Società italiana di pediatria (Sip)”.

Controlli durante crescita

Il progetto di prevenzione prevede dei controlli diversificati in base all’età dei bambini fino all’adolescenza: a sei mesi, a un anno, a cinque anni e poi, tra dieci e quattordici anni. I pediatri, che riscontreranno delle anomalie, prescriveranno ai bambini una visita approfondita dall’andrologo. “Grazie a questa iniziativa – aggiunge Giorgio Franco, presidente Sia -, il pediatra avrà i mezzi e le competenze per monitorare l’apparato genitale dei piccoli pazienti maschi dalla nascita fino all’età in cui passeranno sotto il medico di medicina generale, in base a precise indicazioni di valutazione dettate dalla scheda andrologica”. Secondo gli esperti l’80% dei problemi andrologici si sviluppa in età pediatrica. Circa la metà degli adolescenti maschi soffre di disturbi andrologici che, se non curati, possono essere causa di infertilità. Il 40% dei casi di sterilità maschile, per esempio, è causato dal varicocele, una forma di gonfiore delle vene del testicolo.

Le regole di prevenzione

La Società italiana di andrologia ha redatto un vademecum che gli adolescenti devono seguire per evitare l’infertilità da adulti:

  • sottoporsi a tutti i controlli previsti per individuare  per tempo eventuali patologie;
  • limitare il consumo di alcol e evitare assolutamente fumo e droga;
  • condurre uno stile di vita sano: alimentazione ricca di frutta e verdura, peso forma e sport con regolarità (l’obesità incide sulla produzione degli ormoni maschili);
  • evitare fonti di calore a livello scrotale (come il pc sulle gambe o indumenti intimi sintetici o pantaloni troppo stretti);
  • limitare l’esposizione ad agenti inquinanti che incidono considerevolmente sulla produzione degli ormoni maschili.

 

 
 
 

lo sapevi che?

Secondo la Sia circa 250-300mila coppie italiane hanno problemi di infertilità.  Nella metà dei casi il problema dipende proprio dall’uomo.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti