La tecnologia disturba il sonno degli adolescenti?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/03/2014 Aggiornato il 26/03/2014

Secondo un recente studio la tecnologia è nemica del sonno degli adolescenti: la luce del display degli apparecchi elettronici impedisce di rilassarsi

La tecnologia disturba il sonno degli adolescenti?

Ci sono ragazzi che si addormentano solo davanti al display di uno smartphone o di un tablet. Ma nella maggior parte dei casi, la tecnologia è una nemica del sonno degli adolescenti. La conferma arriva da una ricerca condotta da un gruppo di ricercatori americani, del Lighting Research Center di New York.

Un legame con l’insonnia

Lo studio ha riguardato un gruppo di adolescenti e di adulti. Tutti sono stati invitati a rispondere a dei questionari sulla qualità del sonno e sull’uso di dispositivi elettronici nelle ore serali. Inoltre, sono stati sottoposti ad alcuni esami. Lo scopo era capire se fra utilizzo della tecnologia prima di andare a dormire e insonnia ci fosse una qualche relazione.

Compromessa la produzione di melatonina

Dall’analisi dei risultati, è emerso che effettivamente usare Pc, tablet e cellulari prima di andare a letto non è una buona idea. La prolungata esposizione allo schermo retroilluminato di questi strumenti, infatti, ostacola la produzione di melatonina, l’ormone che regola il ciclo sonno-veglia: in due ore, il livello può ridursi addirittura del 22%. La connessione 24 ore, l’iscrizione ai vari social network, le app, i giochi online non fanno che peggiorare la situazione: spingono a non staccare mai e, anziché favorire il relax, stimolano il cervello.

Notti agitate

Il risultato? Gli adolescenti, ma anche gli adulti che non riescono a rinunciare alla tecnologia, si rigirano nel letto senza prendere sonno, vivono notti agitate, possono soffrire di incubi e di microrisvegli ripetuti. A rischiare maggiormente sono i ragazzi che trascorrono buona parte del tempo libero (compreso quello destinato al riposo) navigando, chattando o giocando online.

In breve

DIFFIDARE DALLE APP

Gli studi dimostrano che la tecnologia disturba il sonno degli adolescenti. Eppure, sono in continuo aumento le app che promettono di aiutare a vincere l’insonnia. Dove sta la verità? “È una contraddizione: tutti i dati scientifici dimostrano che i dispositivi elettronici ostacolano il relax, quindi non è possibile che una app che richiede l’uso di uno smatphone o di Ipad faciliti il sonno” ha commentato Liborio Parrino, presidente dell’Associazione italiana di medicina del sonno.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti