Le adolescenti e il sesso. La prima volta a 13 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/08/2012 Aggiornato il 31/08/2012

Si abbassa l’età del primo rapporto e questo favorisce la diffusione di malattie sessualmente trasmissibili

Le adolescenti e il sesso. La prima volta a 13 anni

Sempre più precoci nel fare l’amore, consapevoli che la prevenzione è importante, ma non abbastanza informate sui rischi legati ai rapporti sessuali. Ecco com’è il rapporto tra adolescenti e sesso, in base a un’indagine condotta tra 1.300 ragazze delle scuole superiori di Milano nel 2011 dall’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (O.N.Da). Due gli aspetti che colpiscono più degli altri: l’età del primo rapporto continua ad abbassarsi, una ragazza su cinque ha il suo primo rapporto sessuale a 13 anni.
Questa maggiore disinvoltura, però, non va di pari passo con la conoscenza: le adolescenti hanno voglia di saperne di più, ma sulle

malattie sessualmente trasmissibili hanno “poche idee e confuse”. Soprattutto le giovanissime. E gli specialisti avvertono: questi due fattori insieme – età sempre più bassa e scarsa conoscenza – aumentano il rischio di ammalarsi.

I risultati

Una ragazza su 5 scopre il sesso a 13 anni. E tra i 15 e i 16 anni, il 25 per cento ha già avuto rapporti sessuali.

Per l’89 per cento delle intervistate, il preservativo è il principale strumento di prevenzione, ma solo 3 su 4 lo userebbero sempre e 1 su 5 lo userebbe solo nei rapporti occasionali. Il 2 per cento dice di farne a meno.

Le adolescenti sono mediamente poco informate sulle malattie sessualmente trasmissibili. Ne hanno qualche nozione generale (Aids, epatite e sifilide le più conosciute), ma non le sanno descrivere, spesso non conoscono i sintomi, né quali comportamenti aiutano a prevenirle.

Il 18 per cento non sa che l’HIV si trasmette attraverso i rapporti sessuali.

 Il 50 per cento delle ragazze intervistate non sa che le donne corrono un rischio maggiore di contrarre malattie sessualmente trasmissibili.

È abbastanza diffusa la convinzione che l’HIV colpisca solo chi fa uso di stupefacenti e che la pillola protegga dal contagio sessuale.

 Molte adolescenti non sanno che alcune malattie possono non avere sintomi evidenti nell’immediato e che alcune infezioni, se trascurate, possono avere conseguenze molto serie sull’organismo.

Più precoci, più a rischio

C’è un legame diretto tra l’età del primo rapporto sessuale e il rischio di contrarre infezioni. Secondo gli specialisti, il fatto che le ragazze siano sempre più precoci e la loro scarsa informazione sul sesso sono tra le cause principali dell’aumento delle malattie tra le giovani milanesi. Inoltre, il loro apparato genitale è ancora in formazione e questo aumenta l’esposizione a virus e batteri rispetto alle donne adulte.
La fascia di età più a rischio è quella dei giovani tra i 13 e i 25 anni. Oltre a essere poco informati su come si trasmettono le malattie, i ragazzi sono poco attenti alle regole di salute sessuale (l’uso del preservativo, la regolarità nei controlli sanitari eccetera) e hanno poco confidenza con le figure che potrebbero informarli e aiutarli (il medico di famiglia, il ginecologo, il consultorio).

 

In breve

Malattie sessualmente trasmissibili: chi rischia di più

Sono soprattutto le adolescenti più giovani quelle che rischiano di contrarre malattie sessualmente trasmissibili. Questo perché il loro apparato genitale è ancora in formazione e quindi aumenta l’esposizione a virus e batteri rispetto alle donne adulte.
 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti