Lo sport di squadra migliora l’umore degli adolescenti

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 15/05/2019 Aggiornato il 15/05/2019

Lo sport di squadra funziona come antidepressivo nei ragazzi, determina una modifica della struttura del cervello, migliorando l’umore e la memoria

Lo sport di squadra migliora l’umore degli adolescenti

L’importante è fare sport. Ed essere coinvolti in attività di gruppo. Calcio, basket, pallavolo, rugby…. Perché la partecipazione agli sport di squadra aiuta a prevenire e combattere i disturbi dell’umore, soprattutto nei teenagers. Lo rivela lo studio Cognitive Neuroscience and Neuroimaging pubblicato sulla rivista medica Biological Psychiatry.  La ricerca, condotta dai ricercatori della Washington University di St. Louis, negli Usa, ha preso in esame  un campione di 4.191 bambini tra 9 e 11 anni, i cui genitori hanno fornito informazioni sulla partecipazione dei loro figli a sport o altre attività e su eventuali sintomi depressivi.

Legame da approfondire

“Abbiamo scoperto che il coinvolgimento nello sport di squadra è correlato a un aumento del volume dell’ippocampo (l’area del cervello importante per la memoria e per l’umore)  e alla riduzione della depressione nei giovanissimi”, ha detto Lisa Gorham, autrice principale dello studio. “Relazioni particolarmente forti in chi faceva parte di squadre scolastiche e associazioni sportive rispetto a chi aveva un impegno più informale nelle attività fisiche. Non è chiaro se il partecipare agli sport di squadra porti alla diminuzione della depressione o viceversa. In qualsiasi caso i risultati stimolano nuovi lavori sulla prevenzione e il trattamento di questa condizione nei bambini”.

Perché fa bene

I benefici dello sport di squadra sono diversi: far parte di un gruppo nello sport aiuta, per esempio, a condividere le regole del gioco, le emozioni, i fallimenti e le sconfitte, a comprendere il valore della collaborazione, tutti piccoli passi che hanno però importanti effetti nella definizione delle competenze sociali che i ragazzi  avranno da adulti.

 
 
 

Da sapere!

Sentirsi parte di un gruppo è importante soprattutto per i figli unici: aumenta la propria autostima e le capacità relazionali, dà l’opportunità di vedere i propri limiti, riuscendo a superarli al meglio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti