L’uso di cannabis può danneggiare le capacità cognitive dei ragazzi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/09/2013 Aggiornato il 11/09/2013

Secondo uno studio americano, gli adolescenti che consumano cannabis possono subire danni permanenti alle abilità cognitive

L’uso di cannabis può danneggiare le capacità cognitive dei ragazzi

Che il consumo di marijuana sia poco salutare per gli adolescenti è risaputo. Ora un nuovo studio, condotto da un gruppo di esperti della University of Maryland e pubblicato sulla rivista scientifica “Nature”, svela un’altra ennesima ragione per temere la cannabis: provoca danni permanenti alla corteccia cerebrale.

Considerata una droga leggera

Per marijuana si intendono le infiorescenze essiccate delle piante di cannabis. Esse contengono sostanze psicoattive stupefacenti, in grado di creare vari effetti, principalmente rilassamento, sonnolenza, alterazione della fluidità verbale e della capacità di attenzione. La cannabis è una delle droghe preferite dagli adolescenti che vogliono “provare lo sballo”.

La ricerca conferma i danni sui più giovani

I ricercatori hanno esposto alcuni topi di laboratorio molto giovani a basse dosi dell’ingrediente attivo nella marijuana per 20 giorni. Poi hanno analizzato il loro cervello. Hanno così scoperto che la cannabis provocava danni permanenti alle abilità cognitive e comportamentali degli animali e aumentava il rischio di sviluppare disordini psichiatrici come la schizofrenia. In particolare, l’uso della marijuana è risultato deleterio per la corteccia frontale, l’area del cervello che controlla le funzioni esecutive, come la pianificazione e la gestione degli impulsi. Questi effetti persistevano anche in età adulta. Se, invece, i topi venivano esposti alla cannabis quando erano già adulti, non si verificano danni al cervello.

Servono ulteriori conferme

Per avere la certezza che l’uso della marijuana causi gli stessi risultati anche nel cervello degli adolescenti occorreranno altri studi. Tuttavia, secondo gli esperti queste prime scoperte sono già significative.

In breve

NON VA SOTTOVALUTATA

La marijuana, insieme all’alcol, è una delle sostanze “da sballo” preferite dagli adolescenti. Molti la considerano innocua. Invece, su un cervello in via di formazione come quello dei ragazzi, questa droga può creare danni anche seri.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti