Make up: arriva la stampante 3D per i trucchi fai da te

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/07/2014 Aggiornato il 08/07/2014

Si sceglie il colore preferito e via: la stampante 3D offre la possibilità di avere un make up su misura   

Make up: arriva la stampante 3D per i trucchi fai da te

Ombretti, rossetti e anche fondotinta. Presto le ragazzine potranno fabbricarli da sole, a casa, per costruirsi un make up su misura. La novità, che si annuncia rivoluzionaria, è stata presentata a una conferenza sulle nuove tecnologie svoltasi a Manhattan: si tratta di una stampante 3D capace di “stampare” veri e propri trucchi come più piace.

Il meccanismo è semplice

Si sceglie il prodotto che si desidera e si seleziona il colore che si preferisce, scegliendo le nuances dal web oppure direttamente da uno scatto fotografico. La stampante 3D confronta i desideri con un programma ad hoc: basta poi premere “print” e il cosmetico fuoriesce dall’apparecchio, pronto per il make up.

L’inventrice è una ex studentessa

L’invenzione porta la firma di Grace Choi, ex studentessa della Harvard Business School che al meeting ha dichiarato di averla pensata perché stanca dei trucchi in commercio che, secondo il suo punto di vista, sono fatti tutti allo stesso modo ma hanno prezzi esagerati. Da qui l’idea della stampante 3D che, sono convinti gli esperti, rivoluzionerà il mondo del make up.

Interessate le teen ager

Con una minima spesa si potranno produrre i propri cosmetici scegliendoli per di più nel colore che desiderano, senza doversi limitare alla gamma proposta da una casa cosmetica. Si prevede che inizialmente la novità piacerà alle ragazze più giovani, dai 13 ai 21 anni, una fascia di consumatori che non ha ancora sviluppato un attaccamento a una marca precisa. Il macchinario offrirà inoltre alle ragazze nuove opportunità di socializzazione: potranno, infatti, riunirsi a casa di una o dell’altra per produrre il propri cosmetici. Una volta che il mondo giovanile l’avrà testata e approvata la nuova stampante 3D cambierà in modo significativo le abitudini di molte donne e le case produttrici di make up dovranno adeguare le loro politiche di vendita al nuovo prodotto.  

Si parte dagli ombretti

Alla conferenza di New York è stato presentato il primo prototipo, battezzato Gracemink, che per adesso sforna solo ombretti; la creatrice è sicura però che potrà a creare anche rossetti, gloss e fondotinta una volta migliorato il meccanismo in modo che possa mescolare le polveri colorate con creme e oli. Il passo successivo? Trovare uno sponsor nel settore delle società che producono stampanti. Choi conta comunque di vendere la prima stampante per gli ombretti entro fine anno, a meno di 200 dollari.

In breve

IL MAKE UP SI FARA’ IN CASA

Grazie all’intraprendenza di una giovane americana sarà presto possibile produrre a casa propria i cosmetici con i colori preferiti e a costi molto contenuti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Mi aiutate a togliergli il pannolino?

07/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Pazienza, perseveranza, leggerezza, disponibilità servono tutte quando arriva il momento di aiutarlo a dire addio al pannolino (anche per la cacca).   »

Timore per la vaccinazione antimeningite: è fondato?

05/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

La possibilità di poter vaccinare i propri bambini contro le malattie che potrebbero causare la loro morte è un enorme privilegio, purtroppo non sempre compreso in quanto in Italia vi è una cultura sanitaria insufficiente, nonostante il nostro SSN sia tra i migliori del mondo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti