Mal di testa per un ragazzo su 2: troppe cure fai-da-te

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/11/2016 Aggiornato il 18/11/2016

Il mal di testa viene curato “in casa” dai ragazzi, prendendo antidolorifici in modo casuale o chiedendo consiglio ai genitori

Mal di testa per un ragazzo su 2: troppe cure fai-da-te

Tra gli adolescenti italiani il fastidio più comune sarebbe il mal di testa, la cui diffusione è molto significativa. È quanto emerge da un’indagine su più di 2.000 studenti di terza media condotta dal Dipartimento di Scienze clinico-chirurgiche diagnostiche e pediatriche dell’Università di Pavia, dalla Clinica pediatrica dell’Università dell’Aquila e dall’Associazione Laboratorio adolescenza.

Abuso di antidolorifici

Lo studio, oltre a registrare l’entità del fenomeno, ha cercato di capire come vengano affrontati gli episodi di cefalea e quali siano le cause associate al mal di testa. Questo dettaglio riveste molta importanza, perché spesso non viene consultato il medico di base o il pediatra e i ragazzi optano per rimedi fai-da-te o al massimo chiedono consiglio ai genitori sulla scelta del medicinale da assumere. Più precisamente, il 68% degli adolescenti assume antidolorifici per contrastare il mal di testa e il 43% non si è mai posto il problema degli effetti indesiderati.

Più colpite le femmine

I risultati dello studio evidenziano che metà del campione soffre di mal di testa almeno una volta al mese e in particolar modo sono le femmine a essere più soggette. Inoltre, addirittura un terzo del campione lamenta episodi di cefalea che vanno oltre l’ora e il 20% afferma che deve smettere qualsiasi attività e aspettare che il dolore passi.

Non solo stress

La maggior parte dei ragazzi ha affermato di avere mal di testa per problemi dovuti a stress psicologico, in particolare legato alla scuola. Tuttavia, come sottolinea Alberto Verrotti, direttore della Clinica pediatrica dell’Università dell’Aquila, “tra scuola-studio e mal di testa non ci può essere alcun rapporto clinico di causa-effetto. Si tratta, piuttosto, di una coincidenza temporale registrata dai ragazzi che dà comunque informazioni utili per individuare i possibili fattori scatenanti e gli strumenti più adatti a prevenire o a curare la cefalea durante l’adolescenza”.  Infatti, la cefalea può essere la spia di altri disagi: è quindi opportuno indagare a fondo questi episodi per riuscire a limitarne la frequenza. Una delle cause “fisiche” più frequenti sono i disturbi alla vista. Spesso gli adolescenti non fanno controlli oculistici e si rendono conto del problema solo quando sviluppano forti mal di testa.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Spesso gli adolescenti maggiormente colpiti dal mal di testa sono quelli che vanno a scuola senza avere fatto la prima colazione.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti