Malattie della tiroide: diagnosi in ritardo per un ragazzo su 3

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/02/2014 Aggiornato il 04/02/2014

Un ragazzo su tre riceve la diagnosi delle malattie più comuni della tiroide con 12-24 mesi di ritardo. Il picco verso i 12 anni

Malattie della tiroide: diagnosi in ritardo per un ragazzo su 3

A un ragazzo su tre le malattie più comuni della tiroide vengono diagnosticate con uno-due anni di ritardo e il picco si manifesta verso i 12 anni, proprio in piena pubertà, quando alla ghiandola tiroidea si richiede un 30% in più della propria attività.

Ipotiroidismo per un neonato su mille

Tra i disturbi congeniti (presenti cioè fin dalla nascita), uno dei due più frequenti a carico della tiroide (l’ipotiroidismo) interessa circa un neonato ogni 1.000 bambini. Spiega Francesco Chiarelli, direttore della clinica pediatrica dell’Università di Chieti e presidente della Società europea di endocrinologia pediatrica: “Le due patologie tiroidee più frequenti sono la tiroidite di Hashimoto, disturbo su base autoimmune che consiste nella formazione di anticorpi contro la tiroide, e forme cliniche che vedono la comparsa di ipotiroidismo. In alcuni casi si può manifestare anche un ipertiroidismo”.

Conseguenze importanti per la salute

Le malattie della tiroide possono contribuire a determinare disturbi importanti.  Continua Chiarelli: “Presentano un certo grado di comorbidità (ossia, presenza contemporanea nella stessa persona di più patologie che tra loro non hanno alcun nesso causale) con il diabete di tipo 1 e la celiachia. In presenza di sintomi, come stanchezza, sonnolenza, bradicardia o tachicardia, irritabilità e disturbi dell’umore è opportuno effettuare un dosaggio ormonale”.

Come si cura

La terapia dell’ipotiroidismo consiste in una supplementazione di ormone tiroideo, mentre per le forme di iperfunzione della tiroide si ricorre a farmaci anti-tiroidei come il “metimazolo”. Rimane, comunque, sempre opportuna una supplementazione di iodio attraverso il consumo di sale iodato

In breve

CHE COS’È E COME FUNZIONA LA TIROIDE

La tiroide è una ghiandola endocrina con una forma che ricorda quella di una farfalla ed è situata nella parte anteriore del collo. Gli ormoni che produce hanno un’azione sul metabolismo e sulla funzionalità di tutti gli organi del corpo. La tiroide contiene una percentuale elevatissima di selenio, più alta rispetto a qualsiasi altro organo: questo oligoelemento, insieme allo iodio, è essenziale per il suo corretto funzionamento.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Forte raffreddore e un episodio di febbre a inizio gravidanza: ci sono rischi?

12/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Nessuno studio finora si è rivelato conclusivo circa la relazione tra comparsa della febbre e malformazioni nel feto.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti