Malattie mentali: gli adolescenti “a rischio” sono i più soggetti

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 08/05/2018 Aggiornato il 02/08/2018

Le malattie mentali sono in aumento. Specie tra i giovani ‘invisibili’, che vivono situazioni di forte disagio psicologico, fuori e dentro casa

Malattie mentali: gli adolescenti “a rischio” sono i più soggetti

Le malattie mentali colpiscono sempre di più i ragazzi. In particolare, quelli più problematici, che diventano ad “alto rischio”. Sono gli adolescenti autori di reati, dipendenti da alcol e droga, i minori stranieri non accompagnati, i ragazzi con problematiche famigliari e relazionali. Un’umanità molto vasta, che abbraccia situazioni psicologiche diverse ma accomunate dal forte rischio di cadere vittima di disagio psichico.

Problema emergente

Le malattie mentali in adolescenza sono un problema emergente e proprio per questo sono state al centro dello studio “La salute mentale degli adolescenti”, condotto dall’Autorità garante dell’infanzia e adolescenza su otto focus group, in altrettante città italiane, anche attraverso questionari sottoposti ai tribunali per i minorenni (Palermo, Genova, Caltanissetta, Catania e Milano).

Famiglie sole

Il risultato è stato sconfortante. Perché manca tutto per poter affrontare la situazione sempre più comune delle malattie mentali in adolescenza. Dall’integrazione alla corretta comunicazione tra gli operatori, ai servizi e alle strutture dedicati. Emerge, inoltre, la solitudine delle famiglie con adolescenti “a rischio”.

Servono interventi tempestivi

Come affrontare il problema? Occorrono interventi tempestivi, e continuativi, che accompagnino i minori in un percorso di crescita e integrazione sociale fino alla maggiore età. Tra le tante raccomandazioni, è emersa  l’esigenza di assegnare risorse adeguate per la salute mentale in adolescenza e attivare una collaborazione tra istituzioni e professionisti che si occupano della salute mentale dei ragazzi. ”Abbiamo fiducia di poter di contribuire al miglioramento del sistema” spiega Filomena Albano, Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza.

Attenzione ai primi sintomi

Pietro Ferrara della Sip, Società italiana di pediatria, evidenzia che serve la formazione dei pediatri, perché “insieme ad altre categorie che hanno a che fare con l’universo di bambini e adolescenti sono quelli che hanno un primo contatto e possono capire i segnali di disagio lanciati dai ragazzi”.

Da sapere

INVISIBILI E VULNERABILI

I ragazzi maggiormente a rischio di sviluppare malattie mentali sono quelli con un disagio forte, diverso da quello fisiologico, fuori e dentro casa, che spesso diventano “invisibili” e per questo poco intercettabili.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti