Malattie mentali: gli adolescenti “a rischio” sono i più soggetti

Stefania Lupi Pubblicato il Aggiornato il 02/08/2018

Le malattie mentali sono in aumento. Specie tra i giovani ‘invisibili’, che vivono situazioni di forte disagio psicologico, fuori e dentro casa

Le malattie mentali colpiscono sempre di più i ragazzi. In particolare, quelli più problematici, che diventano ad “alto rischio”. Sono gli adolescenti autori di reati, dipendenti da alcol e droga, i minori stranieri non accompagnati, i ragazzi con problematiche famigliari e relazionali. Un’umanità molto vasta, che abbraccia situazioni psicologiche diverse ma accomunate dal forte rischio di cadere vittima di disagio psichico.

Problema emergente

Le malattie mentali in adolescenza sono un problema emergente e proprio per questo sono state al centro dello studio “La salute mentale degli adolescenti”, condotto dall’Autorità garante dell’infanzia e adolescenza su otto focus group, in altrettante città italiane, anche attraverso questionari sottoposti ai tribunali per i minorenni (Palermo, Genova, Caltanissetta, Catania e Milano).

Famiglie sole

Il risultato è stato sconfortante. Perché manca tutto per poter affrontare la situazione sempre più comune delle malattie mentali in adolescenza. Dall’integrazione alla corretta comunicazione tra gli operatori, ai servizi e alle strutture dedicati. Emerge, inoltre, la solitudine delle famiglie con adolescenti “a rischio”.

Servono interventi tempestivi

Come affrontare il problema? Occorrono interventi tempestivi, e continuativi, che accompagnino i minori in un percorso di crescita e integrazione sociale fino alla maggiore età. Tra le tante raccomandazioni, è emersa  l’esigenza di assegnare risorse adeguate per la salute mentale in adolescenza e attivare una collaborazione tra istituzioni e professionisti che si occupano della salute mentale dei ragazzi. ”Abbiamo fiducia di poter di contribuire al miglioramento del sistema” spiega Filomena Albano, Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza.

Attenzione ai primi sintomi

Pietro Ferrara della Sip, Società italiana di pediatria, evidenzia che serve la formazione dei pediatri, perché “insieme ad altre categorie che hanno a che fare con l’universo di bambini e adolescenti sono quelli che hanno un primo contatto e possono capire i segnali di disagio lanciati dai ragazzi”. 

 
 

Da sapere

INVISIBILI E VULNERABILI

I ragazzi maggiormente a rischio di sviluppare malattie mentali sono quelli con un disagio forte, diverso da quello fisiologico, fuori e dentro casa, che spesso diventano “invisibili” e per questo poco intercettabili.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti