Mancanza di sonno crea dipendenza, disturbi mentali e incidenti anche tra gli adolescenti

Stefania Lupi
A cura di Stefania Lupi
Pubblicato il 05/12/2018 Aggiornato il 05/12/2018

Dormire meno di otto ore per notte aumenta il rischio di disturbi mentali, incidenti e dipendenze, anche tra i più giovani. Sotto accusa l’uso eccessivo degli smartphone

Mancanza di sonno crea dipendenza, disturbi mentali e incidenti anche tra gli adolescenti

Le classiche otto ore per notte sono il segreto del benessere. Anche da giovanissimi, fra i 14 e i 17 anni. Dormire meno di sei ore, invece, espone al rischio di dipendenze, di disturbi mentali e incidenti. Lo sostengono i ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston che hanno pubblicato uno studio sulla mancanza di sonno sulla rivista medica Jama Pediatrics.

Insonnia da smartphone

Sotto accusa per la mancanza di sonno sono soprattutto gli smartphone, come indicano i dati raccolti tra il 2007 e il 2015 su 67.615 studenti americani delle scuole secondarie superiori. I dati hanno, infatti, dimostrato che i ragazzi che dormivano meno di 6 ore erano anche più esposti a comportamenti a rischi come il consumo di alcol, di tabacco, di cannabis e di guida in stato di ebrezza.

Il ruolo dei genitori

I ricercatori hanno anche scoperto una correlazione tra mancanza di sonno, disturbi dell’umore e autolesionismo. I ragazzi che dormono poco sono risultati infatti tre volte più portati a pensieri suicidi. I ricercatori suggeriscono ai genitori di spingere i figli a fare attività fisica e di vigilare sul loro riposo, mandandoli a dormire presto e facendo loro spegnere i cellulari e gli apparecchi elettronici di notte.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Durante il riposo notturno il cervello continua a elaborare le informazioni “immagazzinate” durante la giornata e rafforza i collegamenti sinaptici (i “comunicatori” dei neuroni). Questo, specie durante l’adolescenza, favorisce e stimola l’apprendimento.  

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti