Marijuana: i giovani sottovalutano le conseguenze!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/05/2015 Aggiornato il 26/05/2015

Fumare marijuana regolarmente provoca alterazioni della sessualità, caratterizzate soprattutto da disfunzione erettile ed eiaculazione ritardata

Marijuana: i giovani sottovalutano le conseguenze!

L’uso di sostanze stupefacenti tra i giovani è un fenomeno diffuso. La marijuana è una delle sostanze più abusate, ma quali sono le conseguenze cui vanno incontro i giovani? Risultano sottostimate e non prese in considerazione seriamente dai ragazzi. Mentre sulle conseguenze gli esperti parlano chiaro: “Nonostante si senta dire il contrario, fumare spinelli regolarmente insidia il piacere dei giovanissimi”.

Lo studio dell’università di Padova

Secondo i dati di uno studio molto approfondito condotto dall’Università di Padova i dati sull’uso di marijuana hanno fornito risultati molto interessanti.  È emerso, per esempio, che il 48% degli intervistati dichiara di aver avuto esperienze con la marijuana con frequenza sporadica, almeno una volta a settimana il 25% e una volta al giorno il 12%.

Che cos’è la marijuana

La marijuana è una delle sostanze illecite più utilizzate a scopo voluttuario con conseguenze importanti. Test cognitivi hanno dimostrato, infatti, che i consumatori cronici di marijuana hanno un quoziente intellettivo inferiore rispetto ai volontari di controllo, ma le differenze non sembrano essere correlate alle anomalie del cervello, perché non esiste un legame diretto tra deficit di intelligenza e diminuzione del volume cerebrale.

L’identikit del consumatore

Sono due le tipologie di consumatori di marijuana: giovani che sono”medi e forti fumatori di sigarette e medio-forti consumatori di alcolici. Dal punto di vista andrologico, i ricercatori hanno messo in evidenza che questo gruppo presenta alterazioni della sessualità, caratterizzate soprattutto da disfunzione erettile (5,7% contro 1,8% dei non consumatori) ed eiaculazione ritardata (4% contro lo 0,6% dei non consumatori). Le caratteristiche seminologiche dei consumatori di marijuana hanno messo in evidenza, infatti, una significativa riduzione del numero degli spermatozoi e della loro motilità e morfologia.

La parola all’esperto

Commenta il dottor Carlo Foresta, direttore dell’Uoc servizio per la patologia della riproduzione umana dell’Azienda Università-Ospedale di Padova e autore dello studio: “Il regolare uso di marijuana, in particolar modo durante l’adolescenza determina effetti negativi documentati. Le ricerche sperimentali hanno ampiamente dimostrato che i recettori per i cannabinoidi sono fortemente espressi sia nel sistema nervoso centrale sia nei corpi cavernosi del pene e che la stimolazione di questi recettori inibisce la risposta erettiva”.

 

 

 

In breve

ANCHE CONSEGUENZE COGNITIVE

 Diversi studi condotti sull’abuso di marijuana hanno descritto anomalie nelle funzionalità e nella struttura cerebrale dei consumatori a lungo termine. I consumatori cronici di “erba”, infatti, hanno un volume del cervello più piccolo a livello della corteccia orbitofrontale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti