Musica in cuffia: più rischi per gli adolescenti

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 16/09/2019 Aggiornato il 16/09/2019

Molti, giovani e meno giovani, hanno ormai l’abitudine di ascoltare la musica con le cuffiette, per strada o sui mezzi pubblici, mentre studiano e perfino per addormentarsi. Ma a rischiare di più sono gli adolescenti. Ecco perché

Musica in cuffia: più rischi per gli adolescenti

La musica rappresenta una forma di evasione per gli adolescenti come per gli adulti. Ascoltarla nel tempo libero rappresenta un modo per esprimere le proprie emozioni. È stato riscontrato, tuttavia, che l’esposizione prolungata alla musica in cuffia può causare danni all’udito.

Non più di un’ora al giorno

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità si dovrebbero tenere le cuffiette nelle orecchie per non più di un’ora al giorno, con un volume non superiore al 60% della portata dell’apparecchio utilizzato, nella maggioranza dei casi lo smartphone. L’esposizione continua ai dispositivi può, infatti, causare danni importanti negli anni: l’udito invecchia molto più velocemente. Secondo i dati dell’Oms, oltre un miliardo di giovani rischia di perdere l’udito semplicemente ascoltando la musica in cuffia, ha dichiarato la dottoressa Shelly Chadha, funzionario tecnico ed esperta di problemi dell’udito presso l’Oms.

I numeri della ricerca

Una persona su 20, 432 milioni di adulti e 34 milioni di bambini hanno una perdita uditiva invalidante con un impatto decisivo sulla qualità della vita. A loro si devono  aggiungere, sempre secondo i dati dello studio svolto in collaborazione con l’Unione Internazionale delle telecomunicazioni, un miliardo di giovani tra i 12 e i 35 anni. I danni non sono causati soltanto dalla musica in cuffia: bisognerebbe, in generale, evitare l’esposizione a suoni che durano poco ma ad alta intensità, come quelli generati dai fuochi d’artificio e dal traffico urbano (come i clacson). 

Da sapere!

L’American Academy of Pediatrics raccomanda almeno due controlli dell’udito: la prima tra gli 11 e 14 anni e la seconda tra 15 e 17 anni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Orticaria dopo un’infezione: può essere allergia all’antibiotico?

02/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

In una bimba di tre anni, è raro che la comparsa di puntini rossi durante una cura antibiotica sia dovuta a un'allergia al farmaco. E' più probabile, invece, che dipenda da una reazione agli agenti batterici o virali che hanno causato l'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti