Obesità infantile: a rischio chi dorme poco

Per l’obesità infantile non conta solo l’alimentazione corretta. Dormire poco altera gli equilibri fra gli ormoni coinvolti nella regolazione di appetito e sazietà e modifica il metabolismo. Anche e soprattutto negli adolescenti

Obesità infantile: a rischio chi dorme poco

Non rischiano soltanto di ritrovarsi la mattina dopo a scuola con sonnolenza, scarsa concentrazione e di conseguenza voti peggiori. Gli adolescenti che di notte dormono male vedono aumentare anche la possibilità di diventare sovrappeso. E l’obesità infantile è in crescita.

I pericoli di un sonno irregolare

Una recente ricerca americana, presentata durante l’ultimo congresso dell’American Heart Association, mette sotto accusa l’abitudine dei giovanissimi di dormire poche ore durante la settimana per poi cercare di recuperare dormendo fino a tardi la domenica mattina. Questo sonno irregolare, con lunghe dormite nel weekend e notti brevi durante la settimana, si associa nei giovanissimi ad abitudini alimentari sbagliate, che portano al sovrappeso.

Almeno 200 calorie in più

Lo studio ha coinvolto un gruppo di adolescenti che per una settimana ha portato un “actigrafo” ovvero un braccialetto in grado di registrarne le fasi di riposo e di veglia, per misurare le variazioni nelle ore di sonno da un giorno all’altro. Secondo i ricercatori la «costanza» negli orari del riposo conterebbe ancora di più delle effettive ore passate dormendo. Rispetto ai ragazzi abituati a dormire più o meno lo stesso numero di ore per notte, quelli che invece non riposano in modo regolare sono soliti assumere ogni giorno più calorie, in media 200 calorie in più, in quanto resistono meno ai cibi ricchi di grassi e carboidrati e inoltre si concedono più spuntini notturni. Un riposo irregolare e insufficiente spinge i ragazzi a mangiucchiare, perché più stanno svegli più sale la tentazione di un cioccolatino, di qualche patatina, di uno snack.

Colpa anche degli ormoni

La colpa dell’aumento di peso non sarebbe solo degli spuntini. Un sonno irregolare ha come conseguenza modificazioni ormonali che possono condizionare il peso, ad esempio alterando l’equilibrio di leptina e grelina, gli ormoni dell’appetito e della sazietà e influenzando la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress coinvolto a sua volta nella regolazione dell’insulina.

Gli adolescenti devono dormire tanto

Durante l’adolescenza il bisogno di dormire è massimo, perché si tratta del secondo momento della vita in cui si ha il maggior sviluppo di connessioni nervose, dopo la fase neonatale. La carenza di sonno perciò non fa male soltanto alla corretta alimentazione, ma anche allo sviluppo cerebrale.

 

 
 
 

da sapere

I RAGAZZI DORMONO SEMPRE PEGGIO

Secondo un’indagine pubblicata sulla rivista Pediatrics, i ragazzini dormono sempre meno e peggio: negli ultimi vent’anni è cresciuta la percentuale di giovanissimi, soprattutto quindicenni, che dormono meno di sette ore per notte (nell’adolescenza la durata ideale del riposo è attorno alle nove ore).

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti