Obesità infantile: i ragazzi italiani sono ai primi posti in Europa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/08/2014 Aggiornato il 22/08/2014

Secondo un recente studio, in Europa l’obesità infantile è diffusa soprattutto in Italia, Grecia e Spagna

Obesità infantile: i ragazzi italiani sono ai primi posti in Europa

L’obesità infantile è un problema sempre più diffuso. Non solo all’estero, ma anche in Italia, un paese considerato da sempre attento all’alimentazione e alla qualità della vita. La conferma arriva da un recente studio, condotto da un team di ricercatori spagnoli, dell’Università di Granada, in collaborazione con altri 25 gruppi di ricerca europei, e pubblicato sulla rivista Pediatrics.

La ricerca ha coinvolto oltre 3.000 ragazzi

La ricerca ha riguardato 3.528 ragazzi di nove Paesi europei. Tutti sono stati invitati a rispondere a una serie di questionari relativi allo stile di vita e sono stati sottoposti a misurazioni della capacità cardiorespiratoria, dell’agilità nella corsa, della forza fisica, del peso corporeo e dell’indice di massa corporea, un parametro in grado di identificare i soggetti con obesità. Inoltre, a tutti è stato chiesto di indossare per una settimana dei particolari strumenti, detti accelerometri, in grado di misurare gli sforzi e le accelerazioni compiute. Lo scopo era capire quanti adolescenti fossero in sovrappeso e quanti conducessero uno stile di vita sedentario.

I più magri nei Paesi del Nord Europa

Dall’analisi dei risultati, si è visto che l’obesità infantile è maggiormente diffusa fra i giovani di Spagna, Grecia e Italia. Non solo. Questi ragazzi avevano anche una forma fisica generale peggiore. A occupare i primi posti di questa speciale classifica sono stati, invece, gli adolescenti del Centro e del Nord Europa. Gli studiosi hanno concluso che i giovani italiani devono prestare maggiore attenzione alla dieta  e cercare di praticare più attività fisica per non correre rischi.

In breve

TANTE CAUSE

L’obesità infantile è un problema multifattoriale, risultato dell’interazione fra più cause: dieta sregolata, scarsa attività fisica, predisposizione genetica, disinformazione, cultura.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti