Occhio alla postura da smartphone: rende gobbi!

Metella Ronconi
A cura di Metella Ronconi
Pubblicato il 13/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

La posizione assunta controllando sempre lo smartphone può danneggiare la schiena dei giovanissimi, che possono diventare gobbi e soffrire di mal di schiena

Occhio alla postura da smartphone: rende gobbi!

Quanti ragazzi stanno per tantissime ore della giornata con il collo piegato, petto incassato, occhi fissi allo schermo? Secondo Sebastiano Cudoni, presidente nazionale dell’Otodi (Ortopedici e traumatologi ospedalieri d’Italia) e direttore dell’Unità di ortopedia e traumatologia dell’ospedale San Francesco di Nuoro, stare per ore ogni giorno chini sullo smartphone influisce sulla colonna, di bambini e adulti, rendendoli gobbi. Con un effetto che dipende dalla posizione e dal tempo: le forze che insistono sulla schiena possono creare un danno anche dal punto di vista della sintomatologia, cioè con la comparsa di dolore.

Attenti allo zainetto

Altrettanto dannoso può essere lo zainetto della scuola carico di libri, anche se bisogna sottolineare che lo zaino pesante può avere un ruolo nel mal di schiena, non nella scoliosi, che invece ha una causa ereditaria. Occorre verificare il peso dello zainetto: non deve superare il 10-15% di quello corporeo dei bambini, non deve essere troppo grande né troppo pesante. Così si riduce il rischio che compaiano problemi.

No alla sedentarietà

Il vero problema è che oggi i nostri giovanissimi sono sempre più sedentari, perché un antidoto a questi problemi, compreso il fatto di stare gobbi, è sicuramente l’attività fisica, che è sempre utile, a tutte le età. È questo il modo migliore per ridurre il tempo passato allo smartphone, negativo proprio per la schiena. Ma non solo.

I controlli da fare

La necessità è quindi quella di individuare per tempo queste problematiche e cercare di correggerle quando è ancora possibile. I genitori devono stare attenti alla situazione della sintomatologia: se c’è dolore, non va mai sottovalutato. Quanto alla scoliosi, è importante vedere se ci sono casi in famiglia: ecco perché è bene intercettarla subito con controlli in età precoce. Nelle femmine il controllo della schiena deve essere effettuato a 10-12 anni, mentre nei maschi si può aspettare fino a 13 anni, se non si manifestano particolari problemi.

 

 

 
 
 

FORSE NON SAPEVI CHE…

È stata ipotizzata una relazione con la grandezza del dispositivo: più è piccolo lo schermo, meno ci passiamo del tempo, ma una dimensione minore ci porta anche ad una curvatura del corpo più accentuata.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Capricci: aiuto, non so gestirli!

La corretta gestione dei capricci è di fondamentale importanza sia per insegnare che esistono regole che non si possono tragredire sia per favorire la resilienza, che è la preziosa capacità di sopportare le frustrazioni e di affrontare le condizioni stressanti rimanendo il equilibrio.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti