Oggi è la giornata contro il bullismo e il cyberbullismo

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 07/02/2020 Aggiornato il 07/02/2020

Il fenomeno è purtroppo sempre più diffuso e sembra interessare quasi 9 ragazzi su 10. Ecco i consigli, in occasione della giornata contro il bullismo, per i genitori nel cercare di aiutare i propri figli

Oggi è la giornata contro il bullismo e il cyberbullismo

I dati dell’Eures, l’Istituto di ricerche economiche e sociali, sono allarmanti: a fine 2019 il fenomeno del bullismo e cyberbullismo ha interessato 9 giovani su 10. I risultati arrivano da un campione di 1.022 studenti delle scuole secondarie superiori di Roma: il 66,9% dei giovani è stato almeno una volta vittima di bullismo; l’81,3% è stato spettatore; la scuola il principale luogo dove si sviluppano episodi di violenza (il 57,3% delle vittime afferma infatti di aver subito tali atti all’interno della classe ed il 34,9% all’interno degli istituti). Da qui l’importanza assoluta di questa Giornata contro il bullismo e il cyberbullismo, per accendere il riflettore su questo fenomeno davvero preoccupante.

Fin dalle scuole primarie

Oltre il 90% sono risultati i ragazzi coinvolti nel fenomeno a partire dalle scuole primarie e medie di I grado; oltre il 66% sono le vittime; il 37% dei ragazzi ha commesso atti di bullismo o cyberbullismo in modo ricorrente o in modo sporadico. Il 40% afferma che si tratta di semplici scherzi, il 90% di loro si è trovato coinvolto, mentre solo il 50% ritiene questo fenomeno un’emergenza da affrontare e da estirpare. Nel 50% dei casi si afferma che è un fenomeno che c’è sempre stato e che sono i media ad ingigantirlo.

Incapaci di reagire

Il fenomeno è così diffuso che ormai i ragazzi sembrano rassegnati. Come afferma Fabio Piacenti, direttore scientifico del progetto Eures sul bullismo “È sconcertante rilevare che quanti affermano che bisogna affrontarlo denunciando i casi ai docenti, ai genitori o alle forze dell’ordine (23%,14% o 25%), in realtà non lo affrontano, minimizzano il problema o stanno allo scherzo; in sintesi, i ragazzi sono idealmente consapevoli di cosa sia opportuno fare, ma all’atto pratico non sono in grado, hanno timore o evitano di narrare la situazione e di chiedere aiuto ad un adulto”.

Consigli per i genitori

I ragazzi non reagiscono e spesso non parlano con nessuno di bullismo e cyberbullismo, genitori inclusi. Che cosa possono fare allora le persone vicino per aiutare chi si trova in difficoltà? Alcuni consigli arrivano addiritta dai Carabinieri, perché ci sono reati che gravitano intorno a bullismo e cyberbullismo, come furto, stalking e diffamazione, che vanno affrontati subito e con rigore.

I Carabinieri suggeriscono di essere sempre disponibili al dialogo e aiutare i bambini e i ragazzi ad esprimere le proprie emozioni, anche negative come rabbia e frustrazione. Occorre spiegare loro, per esempio, che la rabbia di per sé stessa non è sbagliata, e quindi da nascondere, ma che diventa dannosa e potenzialmente esplosiva nei casi in cui viene a lungo repressa.

Se il ragazzo cambia atteggiamento

È importantissimo che i genitori prestino attenzione a cambiamenti repentini nel comportamento, nell’umore o nelle abitudini dei loro figli. Occorre mettersi in allarme se per esempio il ragazzo torna a casa da scuola con lividi, tagli, libri o altri oggetti rovinati o se improvvisamente non vuole andare più a scuola adducendo scuse di finti malesseri come mal di pancia e mal di testa.

Scegliere insieme il da farsi

Se i genitori sospettano l’esistenza di un problema di bullismo, il consiglio migliore è cercare di trovare una soluzione insieme al figlio coinvolgendolo nella ricerca della scelta migliore. Ciò che è da evitare assolutamente è dare giudizi frettolosi o facili etichette senza aver prima approfondito come sono andate realmente le cose. Si possono proporre tante strade diverse, dal parlarne con gli insegnanti o a a una persona di fiducia o anche, nei casi seri, rivolgersi alle forze dell’ordine che possono intervenire in maniera diretta.

 

 

Da sapere

LA SCUOLA È FONDAMENTALE

Non è sbagliato cercare di risolvere la situazione chiedendo aiuto alla scuola. Se c’è il coinvolgimento delle scuole, infatti, il 70% dei casi (dati Eures) vede un attenuarsi del bullismo fino quasi a somparire del tutto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti