Omofobia: troppi adolescenti non reggono e arrivano a gesti estremi

Derisione, discriminazione, isolamento: l’omofobia è la "molla" scatenante che spinge i ragazzi più fragili a togliersi la vita 

Omofobia: troppi adolescenti non reggono e arrivano a gesti estremi

Sentirsi puntare il dito come omosessuale è un attacco alla propria identità, forse già traballante, ma è talmente forte il colpo, che il suicidio diventa l’unica via di fuga per alcuni adolescenti. È proprio così: l’omofobia è la “molla” scatenante del suicidio nel 10% dei casi tra gli adolescenti. A dare la notizia sconcertante è la Società italiana di psichiatria (Sip), che punta il dito contro un fenomeno sempre più diffuso tra i giovani, vale a dire il bullismo. E, del resto, i frequenti e recenti casi di cronaca ne sono la triste conferma.

Gesti estremi di chi è preso in giro

Secondo gli psichiatri in un momento di crescita così delicato come l’adolescenza, “ogni critica come l’omofobia viene vissuta come un giudizio globale, una sentenza definitiva. Ci si sente esclusi per sempre, espulsi dal gruppo dei pari. E questo, unitamente a un problema di sofferenza di fondo, e in una fase di maturazione sessuale, può condurre a gesti di impulsività acuta, compreso il suicidio”. E i dati parlano chiaro: il 15% degli under 18 che ha tentato il suicidio è stato vittima di bullismo.

Facebook e Messenger fanno da cassa di risonanza

Spesso gli episodi di bullismo avvengono all’interno di Messenger e Facebook e tanti – troppi – sono i ragazzi che si tolgono la vita proprio in seguito ad accuse di omofobia.

Attenzione ai campanelli d’allarme

Gli esperti indicano alcuni segnali rivelatori da non sottovalutare: l’isolamento del ragazzo, la creazione di gruppetti rigidi, la forte personalità di un alunno, l’osservazione delle dinamiche durante i momenti di ricreazione in classe.

In breve

UN DRAMMA SOCIALE

Secondo gli psichiatri in un momento di crescita così delicato come l’adolescenza “ogni critica viene vissuta come una sentenza definitiva, che spinge a uccidersi”. Molto spesso, infatti, questi drammi colpiscono i i ragazzini di 14-15 anni quando vengono additati come gay. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti