Orticaria da stress: colpiti soprattutto i ragazzi

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 23/12/2015 Aggiornato il 23/12/2015

È un problema di cui si parla poco ma che è molto diffuso, soprattutto tra gli adolescenti e le donne. Ecco di che cosa si tratta e come affrontarlo

Orticaria da stress: colpiti soprattutto i ragazzi

I dermatologi la chiamano “orticaria fisica o da stress”. È la forma più diffusa di orticaria provocata da agenti fisici: il sole, il caldo, il freddo, addirittura l’acqua. Ma anche un forte stress o l’esercizio fisico intenso; il contatto o lo strofinamento con materiali irritanti, oppure la pressione. Rappresenta un terzo di tutte le orticarie croniche e colpisce circa 300 mila italiani, donne nel 60% del casi. Qualunque età può essere interessata, ma il picco è tra gli adolescenti e i giovani adulti: si stima che i più giovani affetti da orticaria fisica siano circa 200 mila ma di loro si parla pochissimo, nonostante la patologia comporti un deciso peggioramento nella qualità di vita.

Una malattia complessa

I dati sono stati rivelati dagli esperti durante il congresso nazionale della Società italiana di dermatologia allergologica professionale e ambientale (Sidapa), organizzato dalla Sezione di Dermatologia dell’Università Federico II di Napoli, sottolineando che la maggioranza delle orticarie fisiche si risolve da sola nel giro di pochi anni.

Difficile capire che cosa “stressi” la pelle

I sintomi però, finché sono presenti, vanno curati in maniera adeguata rivolgendosi a un dermatologo per una corretta diagnosi. Capire quale sia l’agente responsabile dell’orticaria fisica non è sempre semplice, ma spesso vi si può risalire con un’anamnesi dettagliata; la diagnosi, poi, va confermata con test specifici, utili anche per individuare i non rari casi di orticaria fisica mista in cui più forme possono essere presenti nello stesso individuo. I test servono soprattutto per seguire il paziente nel tempo e capire se le terapie stiano avendo effetto.

Conta la famigliarità

La più frequente orticaria fisica è la dermografica: dura in media 6 anni e riguarda prima o poi nella vita fino al 4% della popolazione generale. Per questa, che è la più nota, esiste una familiarità e una correlazione con gli stress psicofisici, ma le cause che inducono le orticarie fisiche restano ancora per lo più ignote.

Per gli adolescenti è ancora più invalidante

I più colpiti da orticaria da stress sono i giovani, mentre negli adulti sono più diffuse altre forme di orticaria; i sintomi possono indurre imbarazzo e compromettere l’aspetto estetico, perciò possono essere invalidanti soprattutto per gli adolescenti. La cronicità e il disagio provocato dal prurito rende i pazienti con orticaria fisica particolarmente “intrattabili”, insoddisfatti e spesso sfiduciati nei confronti del medico: è invece essenziale parlare al dermatologo dei sintomi senza timori e reticenze, perché anche se quasi tutti i casi si risolvono spontaneamente col tempo, è possibile intervenire per rendere meno fastidiosi i sintomi e migliorare la propria qualità di vita.

VUOI SAPERE SE L’ORTICARIA DIPENDE DA ALLERGIA? LEGGI QUI

 

In breve

SI CURA CON L’ANTISTAMINICO

In genere basta un antistaminico per ridurre sia pomfi sia prurito causati dall’orticaria. L’obiettivo è dare il medicinale a basse dosi perché la cura duri a lungo, così da riuscire a eliminare i sintomi finché l’orticaria fisica non guarisce da sola.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Dubbi sulla lunghezza della circonferenza cranica
15/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

La valutazione dell’andamento della crescita del cranio è un dato molto importante nel primo anno di vita e deve essere confrontato con il peso, la lunghezza e più genericamente con lo sviluppo globale del bambino.  »

Bebè con muscoli del collo deboli: che fare?
12/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono semplici esercizi che possono irrobustire il collo del lattante.   »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti