Papilloma virus: appello dei ginecologi a vaccinare i giovani

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/06/2016 Aggiornato il 12/12/2019

I ginecologi esortano sempre più ragazzi a vaccinarsi contro il Papilloma virus per proteggersi da alcuni tumori

Papilloma virus: appello dei ginecologi a vaccinare i giovani

L’Hpv, o virus del Papilloma umano, è un’infezione virale molto diffusa che si contrae attraverso i rapporti sessuali. Esistono oltre 100 tipologie diverse, di cui una quindicina provoca alterazioni cellulari che possono dare origine a un tumore al collo dell’utero. Alcune sono considerate ad alto rischio perché non generano sintomi e sono difficili da individuare.

Il vaccino protegge dal cancro

Proprio per evitare la comparsa del papilloma virus c’è un forte appello dei ginecologi a vaccinare i giovani. Secondo i ginecologi italiani e quelli dell’Asco-American Society of Clinical Oncology vaccinarsi è, infatti, l’unico modo per prevenire la formazione di forme tumorali.

L’Hpv è coinvolto, con percentuali variabili, anche nella genesi del cancro di vulva, vagina, ano, pene e una parte di quelli orofaringei. La dimensione numerica di tumori correlati a questo virus, almeno 600.000 ogni anno nel mondo, impone agli esperti di prendere posizione a favore della vaccinazione.

D’accordo tutti i medici

Per scongiurare la comparsa del papilloma virus, è sempre più esteso l’appello dei ginecologi a vaccinare i giovani. La comunità medico-scientifica si è arricchita di nuove figure professionali a partire da igienisti, seguiti da dermatologi, pediatri fino a coinvolgere otorinolaringoiatri e proctologi. Ciascuna specialità ha condiviso l’utilizzo del vaccino, mettendone in luce i benefici per la propria disciplina di appartenenza. Attraverso la diffusione di informazioni univoche e corrette si è favorita, nei Paesi più virtuosi, un’alta adesione ai programmi vaccinali, consentendo di ottenere già risultati positivi concreti. Ma bisogna fare di più.

Anche per i maschi

Secondo diversi studi scientifici, il vaccino contro il Papilloma virus, offerto gratuitamente dal 2007 in Italia alle adolescenti durante l’11° anno di età, è considerato uno strumento valido anche per proteggere i giovani maschi contro condilomi o verruche genitali, lesioni precancerose e rare forme di tumore. La Conferenza Stato-Regioni ha approvato il nuovo piano vaccinale che prevede anche il vaccino Hpv per i maschi, come già succede in altri Paesi del mondo.

Si è, però, ancora in attesa del finanziamento di questi vaccini. Riguardo al papilloma virus c’è l’appello dei ginecologi a vaccinare i giovani possibilmente entro il 12° anno d’età, anche perché la vaccinazione va fatta prima di avere rapporti sessuali. Tutte le Regioni italiane hanno in progetto di ottenere la gratuità del vaccino anche dopo gli undici anni. In seguito il costo del vaccino varia dai 156 ai 170 euro.

In breve

DIFFUSIONE MOLTO ALTA

In Italia, secondo stime dell’Istituto Superiore di Sanità, almeno il 75% delle donne sessualmente attive si infetta nel corso della vita con un virus Hpv di qualunque tipo. Oltre il 50% contrae una forma ad alto rischio oncogeno.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti