Papilloma virus, il vaccino è sicuro ed efficace

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 26/07/2019 Aggiornato il 26/07/2019

Il vaccino contro il Papilloma virus riduce il rischio di sviluppare lesioni precancerose senza aumentare quello di effetti collaterali. Ecco perché va fatto

Papilloma virus, il vaccino è sicuro ed efficace

I genitori non devono temere: il vaccino contro il Papilloma virus o Hpv non solo è efficace per diminuire il rischio di sviluppare lesioni precancerose, ma è anche sicuro. L’ennesima conferma arriva da una revisione condotta da un’équipe di ricercatori del Belgio e del Regno Unito e pubblicata sulla Cochrane Library, da cui è emerso che questa misura protegge adolescenti e giovani adulte tra i 15 e i 26 anni di età.

L’analisi su oltre 70mila donne

La revisione è stata realizzata su 26 studi, che complessivamente hanno coinvolto 73.428 adolescenti e donne fino ai 45 anni di età. La maggior parte di loro comunque aveva meno di 26 anni. Tutti questi trial hanno messo a confronto gli effetti del placebo con quelli di due tipi di vaccini contro il Papilloma virus: il bivalente per i sottotipi Hpv 16 e 18 e il quadrivalente contro l’Hpv 16/18 e altri due tipi di virus che causano condilomi acuminati (lesioni ai genitali). Gli autori della revisione hanno esaminato i dati e le evidenze emerse da queste ricerche allo scopo di valutare efficacia e sicurezza del vaccino contro il Papilloma virus.

Il vaccino funziona

Dall’analisi è emerso che nel campione complessivo il vaccino per il Papilloma virus è stato effettivamente in grado di ridurre il rischio di sviluppare lesioni precancerose. Infatti, nel gruppo delle donne vaccinate, solo 2 donne ogni 10mila sono andate incontro a trasformazioni potenzialmente maligne delle cellule della cervice. Nel gruppo cui era stato dato il placebo, invece circa 164 donne su 10 mila hanno subito queste alterazioni. Non solo. Si è anche visto che, indipendentemente dalla presenza del virus, nelle donne di età compresa fra i 15 e i 26 anni il rischio di lesioni da Hpv 16/18 è passato da 341 a 157 donne su 10mila e quello per lesioni da qualsiasi tipo di virus da 559 a 391 donne su 10mila. È bene sottolineare che nessuno degli studi presi in esame nella revisione ha seguito le partecipanti per un tempo sufficiente a rilevare gli effetti della vaccinazione sul tumore alla cervice uterina vero e proprio.

Non causa effetti collaterali

Gli autori hanno anche scoperto che nella casistica considerata il ricorso al vaccino contro il Papilloma virus non si è associato a un maggior rischio di seri effetti collaterali: gli eventi avversi sono comparsi sia nel 7% delle donne vaccinate sia nel 7% delle donne del gruppo di controllo. In ogni caso, secondo gli esperti, questo aspetto va indagato meglio.

 

 

Da sapere!

L’Hpv o Papilloma virus umano è un virus che si trasmette principalmente per via sessuale. Da qualche anno esiste una potente arma di prevenzione nei confronti del Papilloma virus: il vaccino.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti