Papillomavirus: oltre ai tumori, causa anche infertilità

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/02/2016 Aggiornato il 03/02/2016

Ecco perché a vaccinarsi contro il papillomavirus devono essere anche i maschi e non solo le femmine

Papillomavirus: oltre ai tumori, causa anche infertilità

Il Papillomavirus può causare infertilità. Sappiamo già che l’infezione da Hpv è all’origine di diversi tumori (collo dell’utero, vulva, vagina, pene, ano, bocca e faringe). Ora un gruppo di ricercatori dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Padova ha scoperto che l’Hpv presente nel liquido seminale di uomini a rischio di infezione, è in grado di legarsi agli spermatozoi e di aderire alla loro superficie, determinando una riduzione della motilità (nonché, spesso, anche un aumento della produzione di anticorpi anti-spermatozoo) e quindi riducendo le probabilità di concepimento.

Attenzione ai condilomi

I maschi a rischio di infezione sono quelli che presentano condilomi (piccole escrescenze pruriginose sui genitali trasmissibili sessualmente), i partner di donne che hanno contratto il virus e gli uomini infertili. Perché il Papillomavirus può causare infertilità? Gli esperti hanno constatato che gli spermatozoi infettati possono penetrare l’ovocita e trasferire il virus, inoltre aumenta il rischio di fallimento nell’impianto e di aborti spontanei molto precoci. Tra le coppie che si sottoponevano a cicli di fecondazione in vitro, la prevalenza dell’Hpv nel liquido seminale era del 24%.

Copertura vaccinale ancora insufficiente

Gli specialisti padovani sottolineano l’importanza di una corretta prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e della vaccinazione anti-Hpv. Purtroppo ancora oggi nel nostro Paese la vaccinazione, introdotta nel 2007/2008 per le dodicenni, ha una copertura a macchia di leopardo. La media italiana della copertura (per le ragazze nate nel 1997) è pari al 70,8%, ben lontana dall’obiettivo del 95% stabilito.

Importante ricorrere alla vaccinazione

La vaccinazione è indicata sia nei maschi sia nelle femmine a partire dai 9 anni di età. Un terzo dei casi di infezione riguarda, infatti, i maschi che corrono un rischio di contagio 5 volte superiore delle coetanee. Siccome, secondo le ultime ricerche, il Papillomavirus può causare infertilità, oltre ai tumori, è importante proteggersi al più presto, prima di entrare in contatto con il virus: è nel periodo giovanile, infatti, che l’efficacia dell’immunizzazione è massima, perché l’organismo non è ancora venuto in contatto con il microorganismo.

 

 

lo sapevi che?

Il 75% dei casi di tumore del collo dell’utero potrebbe essere evitato grazie alla vaccinazione contro il Papillomavirus. È una delle neoplasie più frequenti nelle giovani donne: si trova, infatti, al quinto posto con 2.100 nuove diagnosi stimate in Italia nel 2015.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti