Per combattere l’anoressia lezioni a scuola

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/12/2013 Aggiornato il 09/12/2013

I corsi di “immagine mentale corporea” possono aiutare gli adolescenti a ridurre i problemi legati alla cattiva percezione del proprio corpo che possono portare anche all’anoressia

Per combattere l’anoressia lezioni a scuola

Come possono i giovani percepire il loro corpo in maniera corretta, senza incorrere nel rischio di soffrire di disturbi del comportamento alimentare come l’anoressia e la bulimia, o nella depressione, o ancora nel cercare rifugio e consolazione nella chirurgia estetica o in pericolose diete dimagranti? La risposta viene dalla scuola dove oggi si insegna “immagine mentale corporea”: lezioni che possono aiutare gli adolescenti a ridurre i problemi di iniziale dismorfofobia, ossia la cattiva percezione del proprio corpo.

Il progetto in tre licei inglesi

I risultati ottenuti in un liceo inglese sono stati positivi e dimostrano come gli insegnanti, opportunamente formati, possano intervenire nelle scuole per migliorare la consapevolezza di sé dei loro studenti. Gli psichiatri del King’s College di Londra c hanno fatto un esperimento su 16 classi di 3 licei diversi, osservando il comportamento di 261 ragazze prima, durante e dopo aver ricevuto 6 lezioni di “body image” della durata di 50 minuti ciascuna. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica British journal of psychiatry. Le lezioni erano focalizzate sulla lettura critica di riviste contenenti ideali di bellezza irraggiungibili, interazioni fra ragazzi su temi come il peso e l’aspetto fisico e principi di psicologia positiva per migliorare l’umore e l’autostima. Scopo: combattere l’anoressia.

Adolescenti insoddisfatti

Osservano gli specialisti che fino al 33% degli adolescenti – soprattutto ragazze – non è soddisfatto del proprio aspetto. Tale insoddisfazione è associata ai disordini alimentari come l’anoressia. Dopo le lezioni – spiega  Helen Sharpe, della sezione di disordini alimentari del King’s College –  il 32% delle ragazze ha avuto notevoli miglioramenti, in particolare è calata la fissazione per la magrezza come ideale femminile. Il nostro è uno studio limitato –  ammette la Sharpe – ma dimostra come gli insegnanti, opportunamente formati, possano intervenire nelle scuole per migliorare la consapevolezza di sé dei loro studenti”.

 

In breve

I NUMERI SONO DRAMMATICI

In passato anoressia e bulimia comparivano nella tarda adolescenza, intorno ai 18 anni; oggi l’età media si è abbassata a 16 anni ma sono molti i casi di anoressia precoce, che si manifesta anche prima dei 13 anni, perfino alla scuola elementare. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti