Poressia: l’ultima preoccupazione estetica dei giovani

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/07/2014 Aggiornato il 21/07/2014

La poressia, la sindrome dei pori dilatati, arriva a condizionare la vita di relazione dei più giovani 

Poressia: l’ultima preoccupazione estetica dei giovani

Non sono più solo i brufoli e i punti neri la preoccupazione estetica dei più giovani. Il nuovo cruccio davanti allo specchio sono i pori dilatati che mettono in ansia ancora più delle rughe. La conferma arriva da una ricerca condotta su 2.428 donne americane dai 18 anni in su e presentata a New York.

Le preoccupazioni principali

Il 38% del campione intervistato pensa che i pori del viso (circa 20 mila del totale di 5 milioni su tutto il corpo) siano troppo grandi. Il 47% vorrebbe ridurli ma non trova nulla che funzioni. Il 19% decide di usare filtri al momento di pubblicare le foto sui social network così da rendere meno evidente il difetto, mentre il 13% delle più giovani rinuncia del tutto ai selfie per paura che i pori si notino troppo. Una ragazza su dieci pensa al problema sette o più volte la settimana tanto che i dermatologi hanno scelto di chiamare la sintomatologia estetica con il nome significativo di “poressia”. La preoccupazione può essere tale da condizionare la vita di relazione: per un giovane su cinque l’angoscia per i pori dilatati influenza in senso negativo il primo incontro amoroso.

Colpiti soprattutto i giovanissimi

La poressia colpisce principalmente i più giovani: si parla del 21% delle ragazze tra i 15 e i 20 anni. Per il 13% di questa fascia d’età il pensiero viene costantemente rivolto al problema con risvolti negativi sullo stato d’animo. Al momento non esistono rimedi mirati per la poressia. Valgono però le consuete indicazioni di estetica date per le pelli miste e grasse: detergere con particolare cura il viso, mattina e sera, usare un tonico leggermente astringente e una crema seboregolatrice, che contiene nella formula anche principi attivi, per lo più di origine naturale, che aiutano a restringere e limitare la visibilità dei pori.

In breve

UN TEMPO C’ERANO I BRUFOLI

Non sono più i brufoli il cruccio estetico dei più giovani. Il nuovo problema è la poressia, cioè la presenza di pori dilatati sul viso, un inestetismo che viene vissuto con ansia e che arriva in alcuni casi a condizionare la vita personale e di relazione dei ragazzi. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti